Si schiantano in auto Muoiono tre ventenni

  • TORINO

TORINO Tre giovani, tra cui due fratelli, hanno perso la vita l’altra notte in città in seguito a un  incidente stradale che ha coinvolto 2 auto. È accaduto verso le 2.40: l’auto con a bordo 4 giovani, tre ventenni e un minore, percorreva corso Orbassano quando, all’incrocio con corso Tazzoli, si è scontrata con un’altra utilitaria, con a bordo il conducente e 2 ragazze. Il primo veicolo, dopo l’urto di striscio, ha proseguito la corsa abbattendo un palo del semaforo e schiantandosi contro lo spartitraffico. I quattro giovani sono stati sbalzati fuori dall’abitacolo: 3 di loro, fra cui il conducente, sono morti sul colpo; il minore è stato portato al pronto soccorso del Cto (codice giallo). Illesi i passeggeri dell’altra auto. Sul posto gli agenti dell’infortunistica della polizia municipale di Torino, cercano testimoni per capire l’esatta dinamica, poiché i primi rilievi hanno confermato che il semaforo su cui si è schiantata l’auto al momento dell’incidente era funzionante.

Le tre vittime sono il conducente dell’auto, Luca Olivero, 20 anni di Orbassano e due fratelli, Matteo e Catriel Forte (19 e 20 anni) di Rivalta. Il conducente della seconda auto, trasportato in stato di choc al pronto soccorso, è risultato negativo al test alcolimetrico. Mentre erano in corso le operazioni di rilievo, verso le 4.15, una pattuglia della Municipale, impegnata sul posto nell’ausilio dei rilievi incidente, è intervenuta a spegnere un incendio, provocato forse da una sigaretta lanciata da un piano superiore, su un balcone del 7° piano di uno stabile di piazza Cattaneo, prima dell’arrivo dei mezzi di soccorso.

METRO/AGI

Articoli Correlati

Il Giro si chiude in cittàScatta piano anti caos

Chiusure e divieti per la tappa di giovedì e il gran finale del Giro d’Italia domenica

Borse di studio piemontesiLa gaffe della ministra

La ministra dell’Istruzione Stefania Giannini ha inserito il Piemonte nella black list per il non adempimento dell’assegnazione delle borse di studio. Ma aveva

“Fabbricatori di firme”da martedì alla sbarra

Caso delle firme false in Regione. Funzionari e collaboratori del Pd in udienza