Si schiantano in auto Muoiono tre ventenni

  • TORINO

TORINO Tre giovani, tra cui due fratelli, hanno perso la vita l’altra notte in città in seguito a un  incidente stradale che ha coinvolto 2 auto. È accaduto verso le 2.40: l’auto con a bordo 4 giovani, tre ventenni e un minore, percorreva corso Orbassano quando, all’incrocio con corso Tazzoli, si è scontrata con un’altra utilitaria, con a bordo il conducente e 2 ragazze. Il primo veicolo, dopo l’urto di striscio, ha proseguito la corsa abbattendo un palo del semaforo e schiantandosi contro lo spartitraffico. I quattro giovani sono stati sbalzati fuori dall’abitacolo: 3 di loro, fra cui il conducente, sono morti sul colpo; il minore è stato portato al pronto soccorso del Cto (codice giallo). Illesi i passeggeri dell’altra auto. Sul posto gli agenti dell’infortunistica della polizia municipale di Torino, cercano testimoni per capire l’esatta dinamica, poiché i primi rilievi hanno confermato che il semaforo su cui si è schiantata l’auto al momento dell’incidente era funzionante.

Le tre vittime sono il conducente dell’auto, Luca Olivero, 20 anni di Orbassano e due fratelli, Matteo e Catriel Forte (19 e 20 anni) di Rivalta. Il conducente della seconda auto, trasportato in stato di choc al pronto soccorso, è risultato negativo al test alcolimetrico. Mentre erano in corso le operazioni di rilievo, verso le 4.15, una pattuglia della Municipale, impegnata sul posto nell’ausilio dei rilievi incidente, è intervenuta a spegnere un incendio, provocato forse da una sigaretta lanciata da un piano superiore, su un balcone del 7° piano di uno stabile di piazza Cattaneo, prima dell’arrivo dei mezzi di soccorso.

METRO/AGI

Articoli Correlati

Metro e grandi progettiSei milardi per la città

È il “Patto per Torino” presentato da Chiamparino ed Appendino da firmare con il premier Renzi

San Salvario, dal 2019largo alle biciclette

Il piano illustrato alla Circoscrizione 8 dall'assessore Lapietra

Sul Parco della Salute apertura della sindaca

La Appendino incontra Chiamparino: “Nostro interesse non far perdere a Torino i 250 milioni previsti dal Governo”