Stipendi, meno annualità per comprare casa

  • Mercato immobiliare

MERCATO C’è un indicatore di sicura affidabilità per tastare con mano la diminuzione vertiginosa dei prezzi degli immobili: è il numero della annualità di stipendio necessarie per acquistare un appartamento. Tecnocasa ha elaborato, in merito, un’analisi aggiornata a livello nazionale (l’analisi si basa sui dati raccolti dalle agenzie del gruppo, tenendo conto del prezzo al m² di un immobile usato di 85 m² e delle retribuzioni medie rilevate dall’Istat).

Negli ultimi dieci anni il calo della quotazioni è stato davvero rilevante. Nel 2005 occorrevano 10 annualità di stipendio, a livello nazionale; nel 2015, 6,3 (erano 6,6 nel 2014), dunque con una caduta di quasi il 40%. Le singole grandi città presentano differenze sensibili.  Napoli è la città che ha “perso” di più: 5,3 annualità dal 2005 al 2015; Milano ha avuto una variazione di -4,4 annualità (passando dalle 13,5 annualità necessarie nel 2005 alle 9,1 del 2015), Roma di -3,6 (passando da 14,2 a 10,6 nell’analogo periodo decennale) e Torino di -3 (da 7,7 a 4,7 annualità).
Roma resta la città in cui è necessario il maggior numero di annualità (10,6), seguita da Milano (9,1) e Firenze (8,5).

METRO

Articoli Correlati
Mercato immobiliare

I tagli grandi tornano in vetta alle richieste

Secondo Tecnocasa, i primi mesi dell’anno hanno visto un deciso ritorno all’acquisto. Si assottiglia l’offerta sulle tipologie di qualità
Mercato immobiliare

Si compra e si vende casasenza badare all'A.P.E.

L'attestato di prestazione energetica influenza ancora troppo poco le compravendite immobiliari
Mercato immobiliare

Cambiano gli affittinell'epoca della sharing economy

Disintermediazione, cliente protagonista e web. E le vecchie agenzie?