Il Design occupa Milano tra i Saloni e il Fuorisalone

  • Milano/Eventi

MILANO Il Design “occupa” Milano. Prima, durante e dopo i Saloni 2016. Prima: con “Stanze. Altre filosofie dell’abitare”, la mostra che trova spazio al Palazzo dell’Arte dal 2 al 12 aprile. Curata da Beppe Finessi nell’ambito della XXI Triennale International Exhibition, si pone l’obiettivo di coniugare business e cultura, sottolineando il compito speciale dell’architettura degli interni nell’offrire una visione del nostro abitare proiettata nel futuro.

«La 55esima edizione del Salone del Mobile - aferma il sindaco Pisapia - verrà preceduta dall’Esposizione Internazionale della Triennale “Design after Design” che torna dopo vent’anni».

Durante: con l’apertura, dal 12 al 17 aprile alla Fiera Milano Rho, dei Saloni - quest’anno scendono in campo oltre al Salone internazionale del Mobile, quello del Complemento d’Arredo, il nuovo settore xLux (padiglione 3), Eurocucina e Technology For The Kitchen, il Salone del Bagno e il Satellite.
Accanto a loro, la mostra evento “Before Design: Classic”, una riflessione sull’anima classica dell’abitare, e il cortometraggio di Matteo Garrone (padiglione 15 F15/H18) in cui il pluripremiato regista narra il classico gusto made in Italy in un delicato percorso visivo e sensoriale.
Evento in città  collegato con il Salone del Mobile.Milano, “space&interiors” al The Mall Porta Nuova - Brera District Design: superfici, pavimenti, porte e finiture d’interni diventano un suggestivo allestimento. E poi il Fuorisalone, decine e decine di eventi che coinvolgeranno il centro, da Brera a San Babila, fino a Tortona, Lambrate, Porta Venezia e Sant’Ambrogio. 

Infine dopo: arriva il Salone del Mobile.Milano Award, una manifestazione che premierà il 4 maggio specifiche categorie tra cui miglior design, young design, miglior prodotto settore cucine, quello settore mobili, bagno, mobile classico e allestimento. Una vera primavera di design. 

PATRIZIA PERTUSO

 

Articoli Correlati

Un fiume di arte,design e digitale

Da domani con STEM in the City, miart e il Fuorisalone

La “Prima Diffusa” aspettando la Scala

Concerti, reading, conferenze e performance per celebrare l’inaugurazione della stagione d’opera 2017-18 del Teatro alla Scala con “Andrea Chénier” di Giordano