Stop al degrado #wakeupRoma!

  • #wakeupRoma

ROMA. Per accorgersene, basta uscire di casa, in qualunque quartiere si viva. E poi basta una piccola ricerca su Google per rendersi conto che è arrivato il momento di una mobilitazione: digitando le parole “Roma” e “Degrado” compaiono 700.000 link di cui moltissimi sono articoli di denuncia comparsi sulla stampa italiana ed internazionale da giugno in poi. Ecco allora che a dare la sveglia agli abitanti di questa città, romani e non, ci pensa #wakeupRoma. L’iniziativa, promossa dall’acceleratore di startup Luiss Enlabs e dalla Onlus Retake Roma, della quale Metroè partner, si basa su un’articolata campagna di comunicazione e crowdfunding per coinvolgere i romani in un grande evento il 12 Marzo 2016.  L’obiettivo? «Risvegliare il senso civico dei cittadini e farli scendere in strada armati di scope e raschietto per lanciare un messaggio forte: combattere il degrado di Roma, insieme, si può», spiegano gli organizzatori. Occorre esortare i  romani «a riprendersi la città e a averne cura tutti i giorni con piccoli gesti di civiltà, diventando paladini di una battaglia che non si combatte solo durante il Giubileo o in campagna elettorale». «Riprendiamoci la nostra città» - afferma Rebecca Spitzmiller, fondatrice di Retake Roma (il movimento di volontari che dal 2009 recupera zone della città) strappandole al degrado - «La nostra missione è di contagiare tutti coloro che vivono a Roma con l’orgoglio e la soddisfazione che nasce dal prendersi cura degli spazi comuni, fuori dal proprio portone e negozio, che è` lo stesso orgoglio che i romani hanno quando curano le proprie case».

Il 12 marzo
 L’appuntamento è per sabato 12 marzo, dalle 10 alle 13, in una di queste piazze di Roma a scelta: Piazza di Porta Maggiore; Piazza Vittorio Emanuele II; Villa Paganini; Piazza Anco Marzio a Ostia. Insieme, in un’azione collettiva per passare un forte messaggio di orgoglio civico e riportare Roma a splendere.  Cosa faremo? «Rimuoveremo adesivi, locandine, cartelli abusivi e illegali dagli arredi urbani  - spiegano gli organizzatori - ripristinandone lo stato originale, verniceremo le pareti imbrattate da scritte vandaliche, spazzeremo via cartacce e rifiuti, recupereremo il verde. «Ma soprattutto sarà una mattinata all’insegna dell’allegria, musica e arte urbana con artisti che scelgono Roma come contenitore».  
 

Crowdfounding 
Wind, main sponsor dell’iniziativa, ha voluto sostenere il progetto anche ospitando una campagna di crowdfunding.  Le donazioni verranno destinate all’acquisto di materiali di pulizia da utilizzare durante l’evento in cambio di ricompense simboliche e creative. (www.derev.com/wakeuproma).
 

La campagna online
Tutti gli aggiornamenti li trovi  sul sito www.wakeuproma.org. I promotori sono Retake Roma, un movimento spontaneo di cittadini, apartitico, che promuove il decoro urbano (www.retakeroma.com) e Luiss Enlab, uno dei più grandi acceleratori di startup digitali in europa (www.luissenlabs.com).

Articoli Correlati

Con la mia foto dico: Un’altra Roma è possibile

Intervista alla vincitrice del contest "Dona una foto per Roma"

Per rendere contagioso il senso civico basta un clic

Il 12 marzo l'appuntamento con #wakeuproma, la giornata del risveglio cittadino nella Capitale

Il 12 marzo invitiamo i romani in piazza senza paraocchi

Intervista ad Alessandra Lepri, responsabile di #Wakeuproma, il progetto promosso da Retake Roma e Luiss Enlabs per sconfiggere il degrado nella Capitale