Come si impara a insegnare bene

  • #labuonascuola

ROMA Si può imparare a scrivere bene? Certo occorre avere dei prerequisiti: conoscenze grammaticali e sintattiche, padronanza di un lessico adeguato, capacità di scegliere il registro linguistico e, soprattutto, idee da comunicare. Ma questo può non bastare.

Per imparare a scrivere bisogna farlo spesso. Con rigore, metodo, costanza. S’impara a scrivere scrivendo. Si può imparare a dipingere bene? Certo occorre saper tenere in mano un pennello e sceglierne all’occasione uno con pelo di martora, di maiale o in fibra sintetica. Bisogna sapere che esistono colori a olio, acrilici, acquarelli, che le tavolozze non sono tutte uguali. Ma ciò non basta.

Anche per imparare a dipingere bisogna farlo. Ci si deve esercitare spesso, con lo stesso rigore, lo stesso metodo e la stessa costanza richiesti per imparare a scrivere. Si può imparare a insegnare bene? Certo si devono conoscere i processi di apprendimento, le dinamiche del lavoro di gruppo, le strategie motivazionali più efficaci, le tecnologie educative e didattiche più innovative. Ma tutto questo non basta di sicuro.

Per imparare a insegnare bisogna farlo a lungo. L’esperienza è un valore e non si acquisisce seguendo corsi di formazione ma con anni di lavoro a scuola e a casa, attraverso il contatto con gli studenti e con lo studio dei testi antichi e moderni che ciascuno di noi sceglie per autoaggiornarsi.

L’idea che si possa imparare a insegnare prima d’insegnare (o a imparare prima d’imparare) mi sembra davvero bislacca. Assurda “non meno del saggio proposito di quel tale Scolastico, d’imparare a nuotare prima di arrischiarsi nell’acqua” (Hegel).

CRISTIANA BULLITA

 

Articoli Correlati

Scuola dell’InfanziaRiflessioni e proposte

Cinque insegnanti di una Statale invitano a ripensate il sistema per ampliare l'offerta formativa

Quattro referendumper rimediare alla Buona Scuola

È partita ad aprile la raccolta firme per i referendum abrogativi della legge 107. Nel mirino: ruolo dei presidi, finanziamenti, premi ai docenti

Docenti, un premiosbagliato e ipocrita

La Giannini annuncia ricompense in denaro per i prof migliori. E non affronta il vero tema: gli stipendi degli insegnanti e il gap con l’Europa