Cara Francesca Balzani i bus gratis non funzionano

  • Roberto Sommariva

Francesca Balzani, assessore al Bilancio e candidata sindaco di Milano, il 26 gennaio scorso ha dichiarato di voler «arrivare alla gratuità di tutti i mezzi pubblici di superficie». Perché? Perché «bisogna ripensare il trasporto pubblico locale nell’ottica della città metropolitana. L’occasione sarà la nuova gara per riorganizzare il trasporto pubblico».

Un dichiarazione definita ‘choc’ da alcuni quotidiani e che ha fatto tuonare gli atri tre avversari delle primarie milanesi del centro sinistra fissare per il prossimo 7 febbraio. Capisco che in campagna elettorale si debba ‘bucare lo schermo’. Ma da un assessore così puntiglioso e attento alla spesa, come è la Balzani, non mi sarei proprio aspettato un dichiarazione di questo tipo. Prima di tutto invito la Balzani ad analizzare i casi di ‘ticket free’ che ci sono in giro per il mondo e di cui abbiamo già parlato su queste pagine.

In sintesi, non c’è un caso al mondo dove il biglietto gratuito abbia ‘spostato’ l’utenza dalle auto private all’autobus. Gli studi fatti, a partire dagli Anni 70, parlano chiaro: in caso di trasporto gratuito aumenta sì l’utenza del tpl ma solo grazie all’apporto di ex pedoni ed ex ciclisti. E poi il punto è un altro. Sino ad oggi il biglietto copre circa il 30 per cento dei costi del servizio ma l’obiettivo fissato dal decreto Maddia è quello di arrivare al 40 per le città metropolitane, come Milano. Dove, peraltro, questi obiettivi sono già ampiamente raggiunti, avendo la copertura del 53 per cento di costi con i ricavi da traffico (grazie alla metropolitana). In poche parole l’attuale azienda di trasporto, Atm Milano, e quella che vincerà la gara dei servizi del 2017, dovranno fare a meno di tutti questi denari? Come potrebbe un’azienda investire in innovazione, qualità del servizio e rinnovamento del parco senza questa fetta di introiti?

Il problema forse è un altro. Il biglietto del bus in Italia costa troppo poco: è il più basso d’Europa. E se proprio vogliamo parlare di anomalie, facciamo pure. Lo sa che nella gara dei servizi del 2017 ci sarà un soggetto che scriverà la gara stessa, vi parteciperà e sarà il regolatore del servizio? Lo sa come si chiama questo soggetto? Comune di Milano.

ROBERTO SOMMARIVA
direttore di Autobus

Articoli Correlati
Roberto Sommariva

Chi è Mazzoncini il traghettatore di Fs

L'Opinione di Roberto Sommariva
Roberto Sommariva

Atac, la parola magicanon è privatizzazione

Perchè quello della privatizzazione del servizio è l’ennesimo pasticcio per coprire un buco legislativo.
Roberto Sommariva

Mezzi pubblici gratis non sono la soluzione

L'OPINIONE DI ROBERTO SOMMARIVA