Le stazioni fisse? Maggiori garanzie agli utenti

  • Car sharing

ROMA.  Presidente Filippi Filippi, cosa ha spinto ACI Global a entrare sul mercato del Car Sharing, già ben presidiato da brand anche internazionali, sia pure sul servizio a “flusso libero”?

Ci ha spinto, da una parte, la domanda crescente e variegata del mercato verso una mobilità alternativa e sostenibile e, dall’altra, il fatto di poter contare su importanti ed esclusivi “asset” come la nostra centrale operativa molto qualificata, che consente non solo di prenotare le vetture ma anche di ricevere assistenza per ogni necessità e la rete di officine in grado di effettuare costantemente manutenzione delle autovetture.

GirACI è già sbarcato a Verona, Firenze e ora Bari. Quali sono state le risposte dell’utenza?

Molto interesse, molta curiosità e quasi “impazienza”, specie nelle città, come Verona e Bari dove il Car Sharing non era ancora “sbarcato”….

A Milano avete rilevato GuidaMi dall’Atm e ora il servizio sta per essere rilanciato sotto il brand GirACI. Quali saranno le principali novità rispetto alla precedente esperienza?

Aumento significativo della flotta, estensione delle aree di sosta anche oltre l’area centrale, rinnovata attenzione verso l’intermodalità e progressiva introduzione anche di modalità sempre più flessibili

Milano è la capitale della mobilità sostenibile. Tra poche settimane arriverà il nuovo bando per gestire il car sharing dopo i due anni sperimentali. Cosa chiedete all’assessore Maran?

Il riconoscimento dell’importante ruolo che può avere- anche il “modello di servizio a stazioni fisse” in una città come Milano perché “completa” le possibilità di movimento dei cittadini. Come ACI siamo sempre stati molto vicini alle esigenze delle Amministrazioni Comunali, sui più diversi fronti che riguardano il mondo dell’auto, della mobilità e della sicurezza stradale. Pensiamo di poter continuare ad esercitare questo ruolo distintivo anche come Operatore di Car Sharing.

In due parole, in che cosa il car sharing “station based” è vantaggioso rispetto alle macchine a flusso libero, parcheggiabili ovunque?

Garanzia di poter prenotare l’auto con largo anticipo, certezza di poterla parcheggiare al rientro.

Esiste un’esperienza internazionale a cui vi siete ispirati per immaginare il modello operativo ed economico di GirACI? C’è una città dove questo servizio è ben funzionante?

Avendo anche noi, allo studio, un piano di sviluppo internazionale, fina da subito abbiamo guardato soprattutto al panorama internazionale dove il car sharing round trip è molto affermato e, in diverse città, rappresenta il modello di riferimento e di successo

Roma e Torino sono due città in cui prevedete di arrivare? E se sì, in che tempi?

La volontà di estenderci c’è. Dovrà andare, certamente, di pari passo, con le esigenze delle amministrazioni.  

Possiamo dire che la vostra proposta di car sharing è quella di un noleggio giornaliero low cost?

Nella nostra proposta di car sharing c’è anche l’opzione a tariffa giornaliera, opzione, devo dire, molto interessante! METRO

 

SHARING, LA SFIDA DI ACI

Partito a Verona lo scorso aprile, il servizio di car sharing di Aci Global - società dell’Automobile Club d’Italia specializzata nell’assistenza tecnica ai veicoli, nell’assistenza sanitaria e nel servizio di soccorso stradale sulle strade -  muove importanti passi anche in altre città d’Italia. Dopo l’avvio del servizio GirACI Verona (dove è attiva con 10 auto elettriche E UP! e decine di UP! a benzina, sia nel modello a flusso libero  free floating - che nel modello con prenotazione anticipata stallo su stallo- one way), a Firenze, a  seguito dell’acquisizione di Car Sharing Firenze, ACI Global ha avviato la gestione operativa del Servizio GirACI Firenze. Al collaudato modello a “postazioni fisse” è stata aggiunta la modalità “One Way”. 
A Milano ACI Global ha recentemente acquisito GuidaMI (il Servizio di Car Sharing di Milano), con l’obiettivo di evolvere l’attuale configurazione dei servizi e sviluppare importanti sinergie con il trasporto pubblico, nell’ottica di realizzare un sistema integrato di mobilità più ricco, efficace ed ecosostenibile a beneficio dei cittadini milanesi e di chiunque si trovi a visitare il capoluogo lombardo. Al momento a Milano è ancora operativo il servizio secondo il “modello GuidaMi”. Infine Bari: nel  capoluogo pugliese ACI Global ha appena avviato la promozione del Servizio di Car Sharing GirACI con auto totalmente elettriche. METRO

 

 

 

 

Articoli Correlati

Ecco Sharemine,piattaforma shared mobility

Presentata da Omoove, controllata da Octo Telematics

Sempre più car sharing

Urbi, l’app che aggrega i principali sistemi di mobilità urbana e condivisa, ha analizzato il mercato delle auto condivise in Italia registrando un +35%

L'auto si aprecon uno smartphone

L’idea è del brand Toyota, che si va ad aggiungere all’elenco delle altre aziende che già puntano sul car-sharing