Per il Conto Termico semplificazioni in arrivo

  • Casa e Fisco

AGEVOLAZIONI C’è un bel gruzzolo da 900 milioni, di cui 700 riservati ai privati cittadini e 200 alla Pubblica Amministrazione. Obiettivo, incentivare la produzione di energia termica da fonti rinnovabili e interventi di efficienza energetica di piccole dimensioni, favorendo per esempio la trasformazione “sostenibile” di impianti di climatizzazione.

Astrusità
Peccato che le regole di questo “Conto termico” varato nel 2012 fossero così astruse da limitarene l’utilizzo. Secondo i dati del Gestore Servizi Energetici, al 1° gennaio 2016 erano stati impegnati 56,4 milioni, di cui 45,6 per interventi di privati e 10,8 per interventi nella PA. Una miseria: qualcosa come il 5% e rotti.

Semplificazioni
Ma ora, dopo l’accordo di pochi giorni fa tra ministeri competenti, Regioni e Anci, sono state introdotte drastiche semplificazioni (a breve sulla Gazzetta Ufficiale): l’eliminazione dell’iscrizione ai registri per gli impianti di climatizzazione invernale con pompe di calore, elettriche o a gas, e caldaie a biomassa aventi potenza termica superiore ai 500 kW, la predisposizione di una lista di “prodotti idonei” (che ridurrà quindi i tempi di valutazione da parte del Gse), l’erogazione di importi non superiori a 5.000 euro in una unica rata, l'anticipo dei tempi di pagamento a 90 giorni dalla data di attivazione del contratto e la previsione di semplificare le modalità di compilazione della domanda attraverso il portale del GSE (Portaltermico).

I vantaggi
Il Conto Termico, a differenza delle detrazioni fiscali (50% e 65%in 10 anni) è un rimborso in 2 anni a rate.
40%: è la quota di rimborso frequente, che sale al 50% (per le zone climatiche E/F, cioè Milano e Torino, per esempio), al 55% (nuovi impianti clima) e al 65% (edifici a emissioni quasi zero. Vedi www.gse.it.

METRO

Articoli Correlati

Enea, un vademecumper la domotica

Prontuario sintetico per districarsi tra le norme che consentono di fruire del bonus Irpef del 65%

Alte le tasse sulla casaPiù 30% rispetto al 2011

Cala il gettito per via dell'abolizione della Tasi sulla prima casa. Ma resta la “patrimoniale”

Bonus elettrodomesticiBasta lo scontrino fiscale

Però deve essere "parlante", dice una circolare dell'Agenzia delle Entrate