Nuova Hyundai Ioniq L'ibrida che spaventa la Prius

  • Auto

AUTO Mancava ancora la vista anteriore per completare il “quadro” della nuova Hyundai Ioniq che fra poche settimane debutterà in pubblico al Salone di Ginevra (3-13 marzo). Quella che molti hanno da tempo indicato come la prossima rivale della Toyota Prius, visto che la ricorda nelle forme, ma soprattutto in quella sua “anima” ibrida, aggiunge, tuttavia, in più rispetto alla illustre rivale altre due possibili varianti di motorizzazione, visto che sarà anche ibrida ricaricabile o plug-in ed elettrica pura. Una versatilità unica garantita dalla nuova piattaforma studiata appositamente per la Ioniq. E che ha consentito di mantenere le batterie vicino al suolo per assicurare dei benefici anche al comportamento su strada, visto che il baricentro si trova nella posizione ideale. Il peso, inoltre, è mantenuto basso grazie ai numerosi particolari in alluminio, fra cui il cofano anteriore, il portellone posteriore e alcuni dettagli delle sospensioni che sono decisamente raffinate per la tipologia di auto della Ioniq che è a vocazione popolare: la geometria posteriore, infatti, è del tipo a cinque bracci. Un'attenzione al dettaglio che ormai è tipica del costruttore coreano, ma che si conferma anche nella parte stilistica: le forme della Ioniq, infatti, sono vincolate a principi aerodinamici, tanto che il coefficiente di penetrazione è fra i più contenuti nel settore di riferimento: il Cx è di 0.24. La Ioniq, come è ormai noto, sarà disponibile in tre variati: l'ibrida di base che impiega un quatto cilindri a benzina di 1600 cc in grado di sviluppare 105 CV. A questo si abbinano un cambio doppia frizione a sei rapporti ed un motore elettrico da 44 CV, alimentato da batterie agli ioni di litio per una potenza complessiva di 141 CV ed una coppia di 265 Nm. Anche l'abitacolo della Ioniq ne conferma la vocazione di vettura “eco friendly”, ma non troppo. Il volante è tagliato nella sezione inferiore, come sulle auto sportive e a disposizione ci sono sia dei rivestimenti in pelle che un impianto multimediale molto ben fornito, grazie alle integrazioni Apple CarPlay e Android Auto e allo schermo sulla plancia che è di 7 pollici. Hyundai, poi, promette un buon confort di bordo e silenziosità a bordo. Infine nella dotazione della Ioniq rientrano molti dei dispositivi di assistenza alla guida di recente generazione.

C.CA.

Articoli Correlati

Seggiolini salva bebè,primo ok alla nuova norma

Prevede l'obbligo di dispositivi acustici sui seggiolini

Pirelli, numeri da urloRun flat è un must

Sono oltre 500 omologazioni di pneumatici scelti dai costruttori come primo equipaggiamento sui propri modelli

Opel: carattere, emozioneInaugurato un nuovo stile

, Opel ha iniziato a lavorare sui nuovi modelli e sulle strategie per il futuro, compreso il nuovo stile che sarà ispirato da tre precise linee guida