Infermieri, boom di richieste Oltremanica

  • Giovani e lavoro

LAVORO. Crescono le opportunità di lavoro per giovani infermieri italiani in strutture sanitarie all’estero, soprattutto in Gran Bretagna. Da più di un anno, infatti, la divisione sanità dell’agenzia per il lavoro Orienta ricerca e seleziona infermieri in Italia da mandare Oltremanica. E ora ha aperto la ricerca per 250 posti da infermiere proprio a Londra: verranno tutti inquadrati con contratto a tempo indeterminato. Sono partiti già oltre 100 giovani italiani e nei prossimi mesi partiranno ancora in tanti. La vera difficoltà, fa notare Orienta, non è nel trovare lavoro a questi giovani ma nel coprire le tante richieste che arrivano. L’obiettivo è rendere più fluido possibile  l'incontro tra le crescenti richieste che arrivano soprattutto dall’Inghilterra e le ambizioni dei giovani infermieri italiani ancora disoccupati. Ma la difficoltà di far fronte alla grande richiesta di infermieri è  legata soprattutto alla scarsa conoscenza della lingua inglese. Ad oggi, solo il 15% delle richieste che pervengono dalle strutture  sanitarie inglesi va in porto. Tante occasioni perse perché, inevitabilmente, vengono coperte da giovani provenienti da altri Paesi.   Le assunzioni offerte sono tutte con contratti a tempo indeterminato e le retribuzioni variano da 21,692 sterline  (30.000 euro) a 28,180 (39.600 euro ).  Coloro che non hanno il Pin Number (iscrizione all’ordine professionale) necessario per poter svolgere l’attività di  infermiere in Inghilterra, possono comunque iniziare a lavorare da subito come Healthcare Assistant.  
METRO

Articoli Correlati
Giovani e lavoro

I giovani sognanoun lavoro digitale

Tra le aspirazioni per il futuro spiccano lavori legati alle nuove tecnologie che spodestano quelli tradizionali
Giovani e lavoro

Scuola-lavoro, è onlineil Registro delle imprese

Sul web il punto di i contro fra i ragazzi che frequentano il triennio conclusivo di un istituto tecnico e di un liceo e le imprese italiane
Giovani e lavoro

Il lavoro un miraggio per i laureati italiani

Dossier Ocse “Education at glance”: in Italia più lavoratori tra i diplomati. Nel 2014 solo il 62% dei laureati era occupato