Casa leggera senza Tasi Ecco sconti ed esenzioni

  • Casa e Fisco

FISCO Finita, ormai, la ridda di anticipazioni. La Legge di Stabilità, in vigore il 1° gennaio, ha fissato le novità sul mondo della casa. Eccone una serie, di largo interesse.

Tasi abolita sull’abitazione principale, anzitutto: anche quella assegnata al coniuge separato legalmente, e anche la quota per l’inquilino (purché sia anche per lui abitazione principale). Sconto del 50% sulla base imponibile, invece, ai fini Imu e Tasi, per le case concesse in comodato ai parenti in linea diretta di 1° grado, purché il contratto sia registrato, vengano usate come abitazioni principali e il comodante (che deve abitare nello stesso Comune del comodatario) abbia al massimo un altro immobile nello stesso Comune. La novità è che l’assimilazione ad abitazione principale è sottratta ai Comuni.

Eccezione su tutta la linea, però, è prevista per le case di lusso, accatastate come A/1, A/8, A/9 (ville, castelli, palazzi, appartamenti signorili): queste pagheranno anche nel 2016 l’Imu e la Tasi (6 per mille al massimo, 6,8 per i Comuni che abbiano previsto nel 2015 e confermato per il 2016 la maggiorazione).

Una riduzione di Imu e Tasi è poi prevista per gli immobili locati a canone concordato: lo sconto, da applicarsi all’imposta dovuta sulla base delle aliquote 2015, è del 25%. Sottolinea Confedilizia che il testo della norma considera tre contratti di affitto: 1) agevolati 3+2 anni; 2) per studenti universitari (da 6 mesi a 3 anni); 3) transitori (da 1 a 18 mesi), se stipulati nei Comuni in cui il canone deve essere stabilito dalle parti applicando accordi territoriali (per esempio a Roma, Milano, Torino).

Spunta il leasing immobiliare: giovani favoriti
Non solo mutuo. C’è anche la soluzione del leasing, messa a punto in Stabilità. Con agevolazioni introdotte apposta per i giovani: ai 35enni con reddito max a 55 mila euro, che, fino al 2020, comprano prima casa col leasing, spetterà una detrazione Irpef del 19% su non più di 8 mila euro annui (canoni) e 20 mila euro (riscatto). Per chi ha un’età maggiore, i benefici sono ridotti della metà. Fanno eccezione i contratti di leasing riservati alle abitazioni di lusso. Altri sconti fiscali sono previsti in sede di acquisto e riscatto.

Ancora per i giovani: bonus mobili
Prorogati i bonus fiscali del 50% o del 65% per chi ristruttura o fa manutenzione straordinaria. Ma la novità del 2016 è che alla detrazione del 50% per mobili e elettrodomestici hanno diritto le giovani coppie (max 35 anni) coniugate (o conviventi da 3 anni) che comprano casa.

METRO

Articoli Correlati

Enea, un vademecumper la domotica

Prontuario sintetico per districarsi tra le norme che consentono di fruire del bonus Irpef del 65%

Alte le tasse sulla casaPiù 30% rispetto al 2011

Cala il gettito per via dell'abolizione della Tasi sulla prima casa. Ma resta la “patrimoniale”

Bonus elettrodomesticiBasta lo scontrino fiscale

Però deve essere "parlante", dice una circolare dell'Agenzia delle Entrate