Incognita per 654 mila contratti a progetto

  • Lavoro

LAVORO. Sono 654.500 i contratti a progetto attivi in Italia che dal 1° gennaio 2016 non saranno più validi. Un dato stimato da Adecco, società leader a livello mondiale nella gestione delle risorse umane, che ha avviato una campagna di sensibilizzazione per lavoratori e aziende su tutto il territorio nazionale attraverso numerose iniziative e un sito dedicato: http://contrattiaprogetto.adecco.it/. I co.co.pro, a partire dal 2016, ricorda Adecco, verranno considerati, infatti, come lavoro subordinato nel caso in cui la prestazione lavorativa fosse personale, continuativa e organizzata dal committente per quel che riguarda orari e luoghi di lavoro. Per questo, Adecco avverte che tutte le collaborazioni a progetto con questa modalità e tipologia devono essere convertite entro la fine di dicembre 2015 e lancia l'allarme. «Nel caso non venisse attuata la conversione, a rischio la continuità lavorativa». «Il tempo per convertire la posizione contrattuale di questi professionisti non è molto», commenta Andrea Malacrida, ad Adecco Itali. A decorrere dal 1° gennaio 2016, i datori di lavoro che assumono coloro con cui hanno avuto un precedente rapporto di collaborazione, anche a progetto, o i titolari di partita Iva con cui hanno intrattenuto un rapporto di lavoro autonomo, ricorda ancora Adecco, godono del beneficio dell’'estinzione degli eventuali illeciti amministrativi, contributivi e fiscali legati all'erronea qualificazione del rapporto di lavoro antecedenti.
METRO

Articoli Correlati

«La sicurezza sul lavoroè una priorità sociale»

Il messaggio del presidente Mattarella per la 69ma Giornata per le Vittime degli incidenti sul lavoro

Caporalato telematicoscatta indagine sui rider

La Procura di Milano vuole vederci chiaro: dal mancato rispetto delle norme elementari di sicurezza sul lavoro all’occupazione di stranieri irregolari

Lo stress da lavoroora è una sindrome

Stress da lavoro, l'Oms: «È una sindrome legata al mondo lavorativo»