Alimentazione e trasporti Famiglie con l’acqua alla gola

  • Famiglia

FAMIGLIA. Guadagnano poco e spendono troppo. Questa in sintesi la situazione delle famiglie italiane: secondo l’Istat una su due in Italia ha un reddito netto che sfiora di poco i 2mila euro al mese. Una situazione di indigenza aggravata, secondo l’Adoc, dal fatto che le spese primarie, per casa, alimentazione e trasporti, sottraggono il 70% del reddito disponibile, il 10% in più della media europea. La minore capacità reddituale degli italiani, inferiore del 25% alla media europea, pari a circa 629 euro in meno, è un dramma per oltre il 50% delle famiglie.
«Il principale problema delle famiglie italiane è il reddito, spesso insufficiente a sostenere le spese fondamentali come casa, alimentazione e trasporti - dichiara Roberto Tascini, Presidente dell’Adoc - sebbene i costi sostenuti da una famiglia italiana siano in linea con quelli europei, anzi complessivamente inferiori del 6,9%, a pesare enormemente è la ridotta capacità reddituale». Una famiglia italiana, mediamente, guadagna al netto delle tasse 2.490 euro al mese, il 25% in meno di un’omologa famiglia nel resto d’Europa, la cui media si attesta sui 3.119 euro mensili. E la situazione è ancora più gravosa per tutti quei nuclei familiari, circa la metà secondo le rilevazioni dell’Istituto di Statistica, che a malapena guadagnano 2mila euro mensili.  «È evidente che c’è una difficoltà congenita sul lato reddituale, ogni euro speso “pesa” molto di più in Italia che in Germania o in Francia. E le conseguenze di questa situazione sono molteplici e tutte preoccupanti: Difficoltà/incapacità a sostenere le spese fondamentali per la sussistenza. Difficoltà/impossibilità a sostenere spese improvvise e/o urgenti, in particolare spese mediche e dentistiche. Rarefazione delle spese straordinarie, in particolare per vacanze, studio e cultura, svago, sport. Maggiore indebitamento, con sempre maggiore rischio di collegamenti con la malavita. Maggiore ricorso alla ricerca della “fortuna” o al gioco d’azzardo». Servono, secondo l’Adoc, nuove e maggiori detrazioni fiscali per le famiglie, in modo da alleggerire il carico di spesa.
METRO

Articoli Correlati

Genitori alle presecon il primo distacco dal bebè

Il vademecum stilato da top Doctors

Divorzio, l'assegnoricambia così

Le sezioni unite civili della Cassazione: «Bisogna tenere conto dell’apporto dato da ciascun coniuge alla vita familiare comune»

Gay, Tiziano Ferrocontro ministro Fontana

Il cantante: «Non voglio sostegno ma non voglio sentirmi invisibile»