Gazzè: Ecco Maximilian il mio alter ego

  • Max Gazzè

MUSICA La fantasia, di certo, non difetta a Max Gazzè. Che per il suo ultimo cd s’è inventato un alter-ego, Maximilian, che campeggia fiero nel titolo e sulla copertina. “Volevo registrare un disco sperimentale, poi è esploso uno dei miei alambicchi elettronici ed è uscito Maximilian, un uomo di un’altra dimensione, che mi ha intimato di fare un album di canzoni” spiega fra il serio (poco) e il faceto (molto). E le canzoni di questo nuovo lavoro, in uscita venerdì, un po’ sperimentali lo sono, sempre nel solco di quel pop d’autore poetico e surreale di Gazzè. “Sono brani che parlano dei rapporti e della difficoltà di mantenerli, presi come siamo da mille stimoli esterni”. Dall’amore filiale di “Mille volte ancora” a quello di coppia che va in malora nell'ironica “Teresa”. Si parla di rispetto umano, senso della vita, suicidio, sentimenti e viaggi mentali. “Temi seri, ma trattati in modo accessibile. Scrivo i testi con mio fratello, siamo affiatati: le parole devono avere un suono, uno stile. Troppo spesso nel pop di oggi sento rime baciate buttate lì senza consapevolezza”.
E sulle questioni romane: pro o contro Marino? “Vivo fuori Roma, non sono informato. Da una decina d'anni mi sono isolato: non vedo i tg, mi fanno troppo male”. E i social? “Poco o niente. Però ho twittato per Valentino Rossi”. Da venerdì l’instore tour con showcase acustico, da fine gennaio i concerti.
 

DIEGO PERUGINI

Articoli Correlati

Una notte specialeper l’Angelo Mai

Max Gazzè e Daniele Silvestri saranno in scena per sostenere il club di via delle Terme di Caracalla