Vola il fatturato degli home restaurant

  • Lavoro

LAVORO.  L’universo degli home restaurant, solo nel 2014, ha fatturato 7,2 milioni di euro in Italia. Con ben 7mila cuochi social attivi in Italia nel 2014 e un trend previsto di  ulteriore crescita per il 2015, lo scorso anno sono stati organizzati ben 37 mila eventi social eating andati a buon fine, con una partecipazione di circa 300 mila persone. E un incasso medio stimato,  per singola serata, pari a 194 euro. Questi alcuni dei numeri che emergono dal report realizzato da Cst - Centro studi turistici per Fiepet Confesercenti - sul fenomeno dell’Home restaurant e social eating. E il web è l’ecosistema degli home restaurant: dai social ai siti  del proprietario dell’abitazione, alle piattaforme dedicate al social  eating, canali privilegiati per la promo-commercializzazione degli  eventi. Tra le più diffuse a copertura nazionale: Gnammo.com, Le  Cesarine, Peoplecooks.com, Eatwith.com, Vizeat.com e Kitchenparty.org.

Secondo il presidente di Fiepet Confesercenti, Esmeralda Giampaoli, «il fenomeno ha perso il suo carattere amatoriale assumendo sempre più un approccio  imprenditoriale». Ma attenzione: «Senza regole adeguate si corre il rischio di spianare  la strada a una ristorazione parallela composta da un esercito di imprese irregolari che esercitano al di fuori di ogni norma e controllo».  Le stime confermano il primato della Lombardia, con una quota di circa 1,9 milioni di euro di fatturato, seguita da Lazio e Piemonte. Al Sud, è sempre la Puglia a conseguire i risultati migliori.
METRO

Articoli Correlati

Cassazione: mobbingpuò diventare lesioni

Confermata condanna per un datore di lavoro che aveva vessato un dipendente scatenando una patologia psichiatrica

Governo, sugli 8000 postiè battaglia con Boeri

Di Maio evoca il complotto. Tria: "Stime prive di prive di basi scientifiche"

Decreto dignità in Aulatra due settimane

Scontro sui voucher tra Lega e M5S. Visco invita alla prudenza e all'equilibrio sui conti