Una buona scuola per i filmmakers?

  • #laverascuola

SCUOLA. Fra le “materie” (im)poste come priorità dalla riforma Renzi della scuola, ampio rilievo hanno le “competenze […] nelle tecniche e nei media di produzione e di diffusione delle immagini e dei suoni”, e ancora l’“alfabetizzazione […] alle tecniche e ai media di produzione e diffusione delle immagini”. C’è qui il segno del premier Renzi: il cui successo è stato costruito anche su sapienti scenografie (la Leopolda), slide  e videoclip (come per la “Buona Scuola”, con lavagna vecchio stile). Tutto ciò appare paradossale:  i giovani sono già ben immersi, anche come produttori autodidatti, nei media delle immagini. La scuola deve offrire ciò che manca loro: capacità di articolare il pensiero (dolente nota!), profondità, metodo, “una testa ben fatta”. Le clip lasciamole ai registi e ai venditori.

GIANFRANCO MOSCONI

Articoli Correlati

I docenti non sanno di sicurezza

Tre insegnanti condannati per il crollo di un controsoffitto al Liceo Darwin di Rivoli nel 2008, che causò la morte di uno studente. Perché?

Concorso a cattedre?Umiliante

Questo governo continua a umiliare quei precari che mandano avanti la scuola che hanno gli stessi doveri dei colleghi di ruolo ma non i meriti

Ai commissari poche briciole

La riflessione di Gianfranco Mosconi sulle dichiarazioni di Renzi: "Puntiamo su una scuola di qualità"