La mia città è solo a pedali

  • Maurizio Baruffaldi

La strada la faccio tre volte alla settimana: dodici chilometri andare, e dodici tornare. In Francia, grazie alla misure antismog annunciate dal ministro dell’Ecologia francese, mi darebbero 25 centesimi al chilometro e arriverei a prendere 72 euro al mese di bonus. Ma non li vorrei. Il viaggio che mi porta da casa al lavoro è la mia prima scelta. In macchina, arrivo già stanco. In bici, ottimista. Care endorfine! Creature mitologiche e seducenti. Droga leggera, sana e legale. E poi. Se usi l'automobile ti viene la pancetta. Se usi la bicicletta potresti ricordare di avere gli addominali. Per tacer dei vostri glutei, signore d'ogni età. Tu pedali, e il tuo metabolismo corre. E mangiare e bere senza temere bilance è già un annuncio di felicità. Al volante paghi e bruci combustibili fossili. In bici bruci gratis calorie. Sulla strada. Fatta di profili di traffico e asfalto, oltre che di squarci di parco e frammenti di piste ciclabili. E mi piace per questo, come una ginkana. Chi dice: "È troppo pericoloso andare in bici in città!", è lui il pericoloso. Che ha paura. Non chi guida sicuro nei suoi spazi. Tiene orecchie e occhi ben aperti. Intanto gode, dell'osservare, nel movimento, nel dovere del tragitto. Per esempio la sequenza degli alberi. Io li conosco tutti, ormai. Sono i 'miei alberi'. Mi aspettano, spogli di malinconia, o esplosi di gioia. E i palazzi. La scenografia fissa. Solenne profilo e discreta protezione. E i parametri meteo li leggo direttamente sulla pelle. E sfoglio gli indumenti per accoglierli. In qualunque stagione, la città a pedali. Non serve ricompensa.

MAURIZIO BARUFFALDI, giornalista

 

Articoli Correlati
Maurizio Baruffaldi

Il distanziamento socialeammazza i locali dei "live"

L'opinione di Maurizio Baruffaldi
Maurizio Baruffaldi

Quello sdegnosu una frase infelice

L'opinione di Maurizio Baruffaldi
Maurizio Baruffaldi

Quell'ansia del nonnoper le parole ai nipotini

L'opinione di Maurizio Baruffaldi