Medicina di genere la nuova frontiera della salute

  • Salute

SALUTE. Si chiama Medicina di genere e studia l’impatto specifico, appunto, del genere maschile e femminile sullo sviluppo e l’evoluzione delle malattie. Il suo obiettivo: assicurare a tutti, sia uomini che donne, il miglior trattamento possibile. Come? Prendendo in considerazione le specifiche caratteristiche personali, che appunto cambiano a seconda del sesso.
Se ne è parlato a “The Future of Science”, il convegno scientifico internazionale organizzato dalla Fondazioni Umberto Veronesi  a Venezia.  
«Il futuro della medicina si va articolando sempre di più attorno all’idea di precisione - assicura Umberto Veronesi -. E questa idea di una sempre maggiore precisione e della personalizzazione della cura non può non investire un aspetto fondamentale dell’identità delle persone come quello legato al genere: capire pienamente quali siano le differenze che influenzano maggiormente le malattie e le terapie è una delle grandi sfide della scienza del futuro». 
Qualche esempio? Le malattie cardiovascolari colpiscono a livello mortale più il mondo femminile che quello maschile. Quest'ultimo è più esposto al Parkinson, mentre il sesso cosiddetto debole ha maggiori rischi di sviluppare l' Alzheimer.
E ancora: il tumore del fegato nelle donne progredisce più lentamente ma i disturbi d’ansia sono prevalentemente rosa perché interessano le signore e signorine due volte di più rispetto ai loro compagni.
«Fino ad oggi i farmaci sono stati studiati prevalentemente su campioni di popolazione maschile - sottolinea  Flavia Franconi, farmacologa dell'Università di Sassari -. Mentre le donne erano poco o nulla rappresentate e per questo motivo vanno tuttora incontro con maggiore frequenza a effetti collaterali».
Nel convegno è stato anche presentato “The Italian Journal of Gender-Specific Medicine” la prima rivista scientifica italiana dedicata alla Medicina di genere,  con il contributo Novartis. Per saperne di più: www.gendermedjournal.it.

LUISA MOSELLO

 

Articoli Correlati

Novembre Azzurro, campagnasul tumore alla prostata

Per una settimana il Museo Nazionale Romano di Palazzo Massimo e la statua del Discobolo si illuminano di azzurro

Sonno perso, troppo ci costa recuperarlo

Uno studio rivela che per pareggiare il debito di sonno spendiamo due anni di tempo libero

Sempre più giovani con disturbi dell’udito

Il problema dei deficit uditivi è un problema sanitario, sociale ed economico molto piú diffuso di quanto si immagini.