Occupiamoci 2015 Il bando per imprese sociali

  • Nuove imprese

LAVORO. Come favorire l’occupazione  giovanile nel nostro Paese? Sostenendo chi fa impresa, ma lo fa senza  scopo di lucro e puntando - naturalmente - sui giovani. La risposta arriva dalle 4 Fondazioni private promotrici del Bando nazionale “Occupiamoci!” edizione 2015: Fondazione Mission Bambini, Fondazione  Canali Onlus, Fondazione San Zeno e UniCredit Foundation. I fondi messi a disposizione attraverso il bando - pari a 600.000 euro - serviranno a favorire l’inserimento lavorativo di giovani  disoccupati tra i 16 e i 29 anni d’età, attraverso il sostegno ad  attività imprenditoriali gestite da organizzazioni del privato sociale. I progetti d’impresa dovranno essere finalizzati all’avvio di nuove attività o allo sviluppo di attività esistenti e dovranno avere tutte le carte in regola per stare sul mercato con successo. Potranno interessare qualsiasi settore: ristorazione,  cultura, arte, turismo, e-commerce, agricoltura, produzione di beni e servizi in genere. Le organizzazioni proponenti, caratterizzate dall’assenza di scopo di  lucro, dovranno essere costituite da almeno due anni e i progetti d’impresa proposti dovranno avere una durata minima di 18 e massima di 24 mesi.  I vincitori beneficeranno di un contributo massimo di 70.000 euro e comunque non superiore all’80% del costo complessivo del progetto. 

Per partecipare al bando c'è tempo fino a venerdì 6 novembre. Il Bando integrale su: www.missionbambini.org, www.canali.com/fondazione, www.fondazionesanzeno.org,  www.unicreditfoundation.org.

METRO

Articoli Correlati

Lavoro, boomdi servizi per la famiglia

In 5 anni +39 % in Italia di imprese nei settori dell’istruzione, tempo libero, servizi alla persona, che aiutano a conciliare tempi di lavoro a famiglia

Nuove aziende benefitAl via l'iter per riconoscerle e incentivarle

Parte dal Senato la proposta di riconoscere le aziende che destinano parte dei loro profitti per migliorare la vita di abitanti e dipendenti

Italia ultima nella Ueper imprenditorialità

Lo rivela la classifica elaborata da ImpresaLavoro sui dati del Global Entrepreneurship Monitor (Gem)