Una riforma della scuola senza strategia e obiettivi

  • Scuola

SCUOLA Entro il 2020, secondo quanto raccomandato dall’Ue, l’Italia dovrebbe raggiungere tre obiettivi: 1) Il 95% di 4-6enni deve aver frequentato la scuola dell’infanzia; 2) La percentuale di 15enni con livelli insufficienti in lettura, matematica e scienze deve essere inferiore al 15%; 3) Il tasso di abbandono scolastico tra i giovani 18-24enni non deve superare il 16%. Nel 2006 è stato raggiunto e superato il primo obiettivo, sebbene nel 2011 sia stato osservato un calo. Nel 2011 i 15enni con livelli insufficienti di lettura, matematica e scienze erano pari al 19,6%, 22,2% e 17,7%, in riduzione rispetto al 2006, lontani dai valori desiderati. Nel 2013 il tasso di abbandono era pari al 17%, a -1 dall’obiettivo nazionale, ma a -7 dall’obiettivo europeo.

Come si misura l'efficacia?

Detto questo, come misurare l’efficacia di una riforma scolastica? Come mostrano le esperienze in altri Paesi occidentali, occorre concentrarsi su quattro operazioni: fissare risultati educativi misurabili; elaborare piani, offrendo risorse e supporto; valutare l’impatto; analizzare gli esiti e inserire miglioramenti. Se si mette in relazione l’iter della Legge 107/2015 con questa impostazione, emergono due questioni. Primo: la legge, quali esiti educativi deve raggiungere? Secondo: le scuole, come potranno dare il loro meglio e al contempo assumere una responsabilità verso i risultati? Le riforme scolastiche vanno guardate con distacco e criticate nel merito. La loro validità dipende dai risultati educativi. Nella “Buona Scuola” si avverte la mancanza di una visione d’insieme, e non sono evidenti i traguardi in base ai quali valutarne l’efficacia.

MAURIZIO GENTILE

Articoli Correlati

Maturità, ecco le materieè stangata con il greco

Il ministero ha reso disponibili le scelte per la seconda prova scritta dell'esame

Scuola, iscrizioni al viadal 7 fino al 31 gennaio

Al via le iscrizioni per il prossimo anno scolastico, il 2020/2021: dalle 8 di martedì 7 alle 20 di venerdì 31 gennaio 2020

Arriva la bussolanel mondo dei dislessici

È di due ragazzi l’idea di un’app per aiutare i bambini con disturbi dell’apprendimento