Nuovi lavori, +48% nell'agricoltura

  • Professioni

PROFESSIONI. Dall'agritata al farmbeauty, dagli agristilisti all’agriwedding per matrimoni green, ma anche gli energy drink contadini e i tutor dell’orto sono solo alcuni dei nuovi mestieri dell’agricoltura che con un aumento record del 48% in tre anni hanno fatto salire a ben 113mila le aziende agricole “multifunzionali” quelle cioè che svolgono attività connesse all'agricoltura. È quanto emerge alla Giornata dell’Agricoltura italiana organizzata da Coldiretti ad Expo. Si è verificata una vera esplosione delle aziende agricole che aggiungono servizi o prodotti all’attività di coltivazione e allevamento tanto che in soli tre anni sono aumentate di 6 volte quelle che producono energie rinnovabili (+603%), sono praticamente raddoppiate quelle che trasformano direttamente i loro prodotti (+97,8%), ma un vero boom - rileva la Coldiretti - si registra anche per la vendita diretta e per iniziative del tutto innovative dall'agribenessere alla moda, dalla tutela ambientale come gli agricustodi e il recupero degli scarti agli agrichef fino alle attività sociali come gli agriasilo o la pet-therapy.

Un percorso reso possibile - sottolinea Coldiretti - dal grande sforzo di rinnovamento dell’agricoltura italiana dove una impresa su tre è nata negli ultimi 10 anni con una  tendenza alla multifunzionalità.  La bellezza e la salute sono i settori che più di altri hanno ispirato nuove esperienze nelle campagne con il boom dei cosmetici naturali. Senza dimenticare gli agristilisti che puntano sull’utilizzo di filati con ortica, canapa e soia. Cresce anche l’agricoltura sociale con progetti dedicati all’inserimento dei soggetti più vulnerabili.  
METRO

Articoli Correlati

Niente crisiper i laureati in matematica

A un anno dal titolo di studio,ben l’83% ha un’occupazione e una retribuzione più alta della media

Cacciatori di mercatiper le imprese italiane all'estero

Alle piccole e medie imprese italiane servono manager capaci di aprire e coltivare mercati esteri

Privacy officerin arrivo anche in Italia

Nel nostro Paese sono solo duecento i professionisti esperti in protezione dei dati già formati