Procreazione assistita il 72% degli italiani ne sa poco

  • Salute

SALUTE. Fertilità e procreazione medicalmente assistita. Temi delicati e dibattuti di cui si parla tanto a livello legislativo ma di cui si sa poco e spesso in maniera confusa. Da un’indagine Swg appena presentata a Milano, infatti, emerge che anche se per la maggioranza degli italiani (l'84%) rappresentino un grande progresso per la coppia infertile, una grande fetta, il 72%, si dichiara poco o per nulla informato e dichiara di non conoscere in maniera precisa e completa le tecniche disponibili.

Per cercare le migliori soluzioni possibili, il 40% andrebbe all’estero, il 2% lo ha già fatto ma c'è anche chi (il 26)  preferirebbe rivolgersi a strutture presenti nel nostro Paese. Ora se ne aggiunge un'altra la Clinica Eugin a Modena finora solo presente a Barcellona dove sono state trattate oltre 7 mila donne italiane. «In Italia nel 2013 sono nati 514.308 bambini, di questi ben 12.187 sono venuti alla luce grazie alla Procreazione Medicalmente Assistita (2,4%)- racconta il Dottor Rubens Fadini, Responsabile del Centro di Medicina della Riproduzione Biogenesi -. Proprio il Ministero della Salute ha presentato a maggio il Piano Nazionale per la Fertilità e, di recente, il Ministro Beatrice Lorenzin ha firmato le nuove linee guida sulla PMA, dando seguito a quello che, ormai da più di 10 anni, è stato il percorso di modifica della Legge 40/2004,  unica normativa di riferimento in materia».

Ma non mancano dubbi e interrogativi. La metà del campione, infatti, ritiene che sia una decisione difficile da assumere, soprattutto rispetto alla famiglia e alla società, percentuale che sale al 56% al sud. E teme che queste tecniche potrebbero portare a una selezione degli embrioni contraria all’etica. Ma in generale l'atteggiamento culturale nei confronti di questa possibilità realizzabile sta lentamente cambiando: il 68% del campione intervistato, si dichiara favorevole, in generale, alle tecniche di procreazione medicalmente assistita, percentuale che si alza arrivando a toccare l'80 % fra i più giovani. 
LUISA MOSELLO

 

Articoli Correlati

Novembre Azzurro, campagnasul tumore alla prostata

Per una settimana il Museo Nazionale Romano di Palazzo Massimo e la statua del Discobolo si illuminano di azzurro

Sonno perso, troppo ci costa recuperarlo

Uno studio rivela che per pareggiare il debito di sonno spendiamo due anni di tempo libero

Sempre più giovani con disturbi dell’udito

Il problema dei deficit uditivi è un problema sanitario, sociale ed economico molto piú diffuso di quanto si immagini.