Giù dal treno in corsa 18enne gravissimo. Anomalie nella porta

  • Trenord

TRASPORTI Gravissime. Sono le condizioni di un 18enne ricoverato all’Ospedale Maggiore di Novara dopo essere saltato da un treno in corsa, da una porta che non si doveva aprire. L’incidente è avvenuto venerdì 17 luglio sul convoglio 10424 Milano-Domodossola di Trenord, su una carrozza nota al personale che da mesi segnalava gravi problemi di sicurezza per ripetute anomalie sul blocco delle porte.

La vicenda
Alle 20 il 10424 si ferma alla stazione di Dormelletto (Novara). I passeggeri salgono e scendono, il capotreno, dopo aver verificato la chiusura e il blocco delle porte, dà l’ok e il treno si muove. È allora che un 18enne con un amico si accorge di aver sbagliato stazione, apre la porta e i due saltano giù. Il 18enne si schianta contro un palo, l’amico resta illeso. Il macchinista non si accorge di nulla e il treno continua la corsa. Un incidente dettato dall’incoscienza. Ma non sarebbe potuto accadere se le porte di quella carrozza avessero funzionato a dovere. E nemmeno dopo la tragedia il treno viene fermato. Resta in servizio fino al lunedì 20, quando un capotreno, al corrente dei fatti, si rifiuta di assumersi la responsabilità di farlo viaggiare.

La replica di Trenord
Trenord, che ha aperto un’indagine interna, riferisce a Metro attraverso l'ufficio stampa che quella porta sarebbe stata forzata dall’interno della vettura, ma non spiega perché il convoglio non si sia fermato immediatamente come prevede la procedura dopo l’attivazione di un segnale d’emergenza. “Tutti i i nostri treni circolano nelle prescrizioni di legge”, la replica secca.

L'inchiesta
Eppure che qualcosa non andasse su quel treno il personale di Trenord inizia a segnalarlo dal 20 marzo 2015 viene annotato sul diario di bordo: “Porta bloccata”. Idem il 30 marzo; e poi il 22 giugno, la segnalazione che avrebbe dovuto far gelare il sangue e fermare il convoglio: “Blocco porta irregolare, ma niente segnale in cabina di guida”. E arriviamo così al 16 luglio, il giorno prima della tragedia, quando sul diario si legge: “Le porte si aprono con il treno in movimento”.  L'inchiesta della magistratura di Verbania aperta nel frattempo dovrà appurare perchè nonostante gli allarmi il treno abbia continuato a viaggiare. Altro interrogativo: come mai, dopo l'incidente, il convoglio non è stato posto sotto sequestro?
ANDREA SPARACIARI

 

Scarica gli allegati:  Dossier Porte Difettose.pdf
Articoli Correlati

Trenord, Authority valutaviolazione dei diritti dei passeggeri

La segnalazione della polizia ferroviaria

Esposto di M5s per l'acquisto dei treni

La consigliera Nanni scrive a Corte dei conti e Anac denunciando che il Pirellone ha speso 600 milioni in base a una gara del 2013

Trenord: l'abbonamento si comprerà anche online

Dal 22 febbraio "Ovunque in Lombardia" e "Ovunque in Provincia" si potranno acquistare sul nuovo sito della Società