Ipotesi sabotaggio sul Tgv bloccato

  • VAL SUSA

VAL SUSA Spunta l’ipotesi del sabotaggio nella vicenda del Tgv rimasto bloccato lunedì pomeriggio per quattro ore in Val Susa all'altezza di Chiomonte per un guasto. Ieri mattina il pm Antonio Rinaudo ha inviato sul posto gli uomini della polizia scientifica e della Digos per capire le cause del guasto al pantografo.

La rottura di questa apparecchiatura infatti ha determinato il fermo del convoglio. Per quattro ore 300 passeggeri che erano a bordo sono rimasti imprigionati in vagoni fornaci: il treno era senza corrente e quindi senza area condizionata. Alcuni passeggeri hanno rotto i vetri per riuscire a far circolare un po’ d’aria, mentre la protezione civile è intervenuta per portare loro acqua. Al momento il fascicolo è aperto senza ipotesi di reato, ma se venissero trovati elementi a sostegno della tesi del sabotaggio il reato contestate sarebbe attentato alla sicurezza dei trasporti.

REBECCA ANVERSA

Articoli Correlati

Frana a Bussoleno«Era prevedibile»

La rabbia dei cittadini. Gli smottamenti da settimane

Terrore in classemaestra nei guai

Susa: finisce ai domiciliari l’insegnante di una materna

Il Tgv bloccatoda una sassaiola

La procura procede per pericolo di disastro ferroviario a seguito di danneggiamento. Da Tgv rimborso doppio