Le assunzioni e il gioco delle tre carte

  • #labuonascuola

ROMA Il piano assunzioni è stato il perno centrale intorno a cui è stata costruita la riforma farlocca. Il piano assunzioni è stato usato come specchietto per le allodole. Numeri sbandierati in tutte le trasmissioni senza possibilità di contraddittorio.

Il maxiemendamento, votato al senato con lo strumento meschino della fiducia, nasconde tra le sue pieghe alcune norme che di fatto rivelano il vero piano delle assunzioni: dei 100.000 posti di cui si parla, meno della metà riguarda vere assunzioni con cattedra e stipendio. L’altra metà, oltre 55.000, rappresenta nomine giuridiche, cioè sulla carta, ma senza stipendio e senza cattedra fissa.

A cosa servono le nomine giuridiche? Semplice: a rispettare la sentenza della Corte Europea che impone assunzioni per i docenti il cui incarico è stato reiterato in forma di precariato. Cosa faranno, dunque questi docenti? Il comma 65 ed altri del maxi emendamento parlano chiaro: questi docenti verranno assunti con incarico annuale sui rimanenti 60.000 posti che sono stati abilmente occultati dal ministero.

Sono cattedre cosiddette “di fatto”, sono i posti che esistono da sempre, quelli su cui lo Stato ha assunto con reiterati contratti annuali i docenti adesso vincitori del ricorso alla corte di Strasburgo. Ecco rivelato il gioco delle tre carte.
 

SALVO AMATO (Gessetti Rotti)

 

Articoli Correlati

Scuola dell’InfanziaRiflessioni e proposte

Cinque insegnanti di una Statale invitano a ripensate il sistema per ampliare l'offerta formativa

Quattro referendumper rimediare alla Buona Scuola

È partita ad aprile la raccolta firme per i referendum abrogativi della legge 107. Nel mirino: ruolo dei presidi, finanziamenti, premi ai docenti

Docenti, un premiosbagliato e ipocrita

La Giannini annuncia ricompense in denaro per i prof migliori. E non affronta il vero tema: gli stipendi degli insegnanti e il gap con l’Europa