Stare al fresco è una questione etica

  • PAOLO HUTTER

Che fare se il caldo supera ogni record e si accendono sempre di più i condizionatori e di conseguenza  in alcuni momenti la rete elettrica va in crisi e si stacca provocando alcuni black out?  La polemica è più viva a Milano, ma è successo  anche a Torino e in altri centri. Non si  tratta di un problema tecnico ma di una questione strategica con risvolti  anche etici, oltre che economici.

Di energia elettrica ne abbiamo fin troppa, anche se magari qualcuno nei giorni scorsi  ha pensato che ci manca il nucleare. Ne abbiamo tantissima, non si può pensare di fare nuove centrali nè di rifare i sistemi di distribuzione per dei sovra-consumi che si verificano per pochi giorni l'anno. I dati  A2A di Milano  certificano che mai nella storia si era avuto un picco di consumi elettrici  in città come quello attorno alle 14 di martedi 7 luglio. Di cosa dovrebbe scusarsi A2A?  Di non avere tutte le cabine e le sottocabine a prova di caldo?  Ma questo - dicono i tecnici - è stato  il fattore determinante solo per alcuni black out. Per lo più sono derivati dai consumi eccessivi.  In questa definizione di eccessivi è inutile vedere l'aspetto moralistico.

Ci stiamo  abituando a vivere con l'aria condizionata, anche se con ventilatori  e vaporizzatori si potrebbero in molti casi avere effetti di "confort" (è il termine tecnico) analoghi. E passi. Tra i condizionatori in uso molti hanno livelli di efficienza energetica superati. E passi. Ma i consumi sono eccessivi perchè cozzano coi limiti della rete e  non sono gestiti con sufficiente programmazione e spirito di responsabilità.

Probabilmente bastava un 10 % in meno di consumi contemporanei e non si arrivava ai black out. A2A faceva appello  da giorni a un autocontenimento  ma chi l'ascoltava? Forse in questi casi dovrebbe essere il Sindaco ad appellarsi ai cittadini. Di più, si tratta di dare disposizioni e firmare ordinanze, come si fa per i giorni di smog più pesante e per le emergenze di protezione civile. C'è il DPR 74 del 2013 - anche se non lo conosce nessuno -  che vieta di portare a meno di 26 gradi la temperatura media degli interni quando si usano i condizionatori. Certo ci sono 2 gradi di tolleranza, quindi di fatto sono 24. Se non basta - cioè se non basta il limite di 24 gradi a ridurre i comsumi - esiste la possibilità di ulteriori decisioni  locali. 

I negozi non dovrebbero poter tenere le porte aperte con l'aria condizionata. Come esiste la possibilità di disporre (e non solo  di consigliare) di non usare lavatrici tra le 12 e 30 e le 15. Certo non sono disposizioni  facili da applicare perchè mancano le forze per controlli sistematici. Ma sarebbero pur sempre  qualcosa di più di un generico appello inascoltato. I giorni delle ondate di calore con  sovraconsumi potrebbero aumentare, diventare una decina l'anno.   Con un minimo di concertazione ce la  potremmo fare: ci vuole solo  volontà politica.

PAOLO HUTTER direttore
di ecodallecitta.it

 

Articoli Correlati

Più che soldatiservono relazioni

L'opinione di Paolo Hutter

Dopo l'Enciclicafedeli poco green

Paolo Hutter riflette dopo la visita del Papa a Torino e i rifiuti ua e getta lasciati in terra

La differenziata a Expo è inutile

L'Opinione di Paolo Hutter