Bambina di 11 anni tranciata dall’elica

  • sardegna

CAGLIARI Tragedia in mare davanti alla spiaggia di Santa Margherita di Pula, nel cagliaritano. Padre e figlia di 11 anni si sono tuffati da uno yacht di 14 metri, di proprietà di un loro amico, e per cause ancora in corso di accertamento da parte dei carabinieri la bambina è stata tranciata con ferite mortali dalle eliche del motore. Il comandante dell’imbarcazione, sulla quale c’erano anche la sorellina di 8 anni e altri bambini, dovrà essere sentito dagli inquirenti. Secondo una prima ricostruzione, padre e figlia si erano tuffati dalla barca in un punto non lontano dalla riva, inizialmente con l’intenzione di raggiungere la spiaggia, vicina pochi metri. Il padre, figlio di un noto imprenditore di Assemini (Cagliari), si è tuffato per primo.

Dinamica ancora da accertare

Poi qualcosa è andato storto: la bimba ha cercato infatti di risalire in barca da poppa, ma le eliche del motore l’hanno colpita danneggiandole organi vitali. Sullo yacht era rimasto il proprietario dell’imbarcazione, un noto campione di surf, che non si era accorto della manovra della piccola e aveva acceso il motore. Gli accertamenti sono ancora in corso, mentre la Guardia costiera ha prima cercato lo yacht che si era allontanato dal luogo dell’incidente - il proprietario si era messo alla guida sotto choc - e poi lo ha scortato nel porticciolo di Marina piccola a Cagliari. In serata il sindaco di Pula Carla Medau, giunta sul posto, ha telefonato a Mario Puddu, sindaco di Assemini, due comunità che si uniscono idealmente nel dolore.

METRO

Articoli Correlati

Incidente per Clooneyferito a una gamba

Lieve trauma alla gamba per l'attore di Hollywood, in Sardegna per girare un film

Bimba dilaniata da yachtecco com'è andata

Secondo l'ultima ricostruzione fatta dagli inquirenti, il comandante dell'imbarcazione non si sarebbe accorto dell'11enne che si era tuffata poco primacol padre