Il subemendamento della vergogna

  • La buona scuola

Tra le enormità del ddl-scuola approvato ieri in Senato, ce n'è una talmente grande da essere sfuggita a tutti. Questioni di dita e di lune. Una modifica del maxiemendamento, passato con una fiducia che disvela la farsa della "consultazione", prevede infatti che i fortunati neoassunti avranno l'obbligo di fare domanda in tutte le province italiane. Tutte. Significa che dal prossimo anno scolastico decine di migliaia di docenti, esauriti gli incarichi nella propria provincia e in quelle limitrofe, dovranno trasferirsi in un'altra regione, a centinaia di chilometri di distanza.

Poco importa se questi docenti hanno una famiglia (compagni di vita che lavorano e non possono trasferirsi, figli che vanno a scuola, genitori anziani), saranno comunque costretti a vivere lontano da casa per almeno un triennio. Certo, è possibile che chi applicherà questo insano provvedimento mostrerà maggiore buon senso di chi l'ha proposto (e votato). Può darsi che i dirigenti chiameranno prevalentemente docenti della provincia di appartenenza o almeno della propria regione, e che le inevitabili assegnazioni d'ufficio del MIUR saranno effettuate da funzionari più ragionevoli e compassionevoli della loro Ministra.

Una cosa, però, appare oggi del tutto improbabile, e cioè che questo subemendamento della vergogna sia emendato. Alla Camera, infatti, il ddl dovrà passare così com'è, con una seconda e più agevole fiducia, altrimenti dovrebbe tornare al Senato, dove più di una senatrice e più di un senatore verrebbero assaliti dai demoni che li hanno braccati la notte scorsa. Gli ottusi, si sa, non si caratterizzano solo per una obnubilante chiusura mentale. I veri ottusi sono quelli che si 'pre-cludono' la possibilità di cambiamento, di ravvedimento. Sono quelli che si chiudono in uno steccato che essi stessi hanno costruito: per viverci beoti, pardon, beati. A causa di questa ottusità maggioritaria, decine di migliaia di docenti e le loro famiglie verranno trattati alla stregua di pedine, pacchi, capi di bestiame (scegliete voi la metafora). I ministri dell'Economia e del Lavoro la chiamerebbero flessibilità. Curioso che a farlo siano stati i sostenitori della famiglia tradizionale, quella canonica: il nucleo fondante, dicono loro, dell'autentica società italiana. È proprio vero, "signori miei", non c'è più religione.

GIULIO IRACI, insegnante dei Gessetti Rotti

Articoli Correlati
La buona scuola

Breve testimonianza di una raccoglitrice di firme

Referendum sulla legge 107, l'intervento di Cristiana Bullita (Gessetti Rotti)
La buona scuola

Concorso scuolaAl via le domande

I docenti abilitati potranno presentare domanda, solo online, per il nuovo concorso della Buona scuola: i posti a bando sono 63.712
La buona scuola

Gentile Ministra, non si dia un voto

La lettera aperta di Salvo Amato alla ministra Giannina