Case in città, dal 1998 prezzi su del 42,2%

  • Mercato immibiliare

IMMOBILIARE. Dal 1998 ad oggi nelle grandi città italiane gli immobili si sono rivalutati del 42,2 per cento. Secondo l’ultima rilevazione del Centro studi Tecnocasa, la città che si è rivalutata maggiormente è stata Roma con il 73,3%. A seguire nella classifica troviamo Napoli con il 72,3% e Milano con il 59,1%. Dal 2007 ad oggi, la fase discendente del mercato, a livello nazionale si registra una diminuzione del -36,4%. La città dove gli immobili hanno perso maggiormente valore è stata Bologna con -44,9%, seguita da Napoli  con -43,1 %. Gli immobili hanno ceduto meno a Milano (-26,5%) e Firenze (-30,1%). 
 
In provincia
Dal 1998 la rivalutazione delle abitazioni nei capoluoghi di provincia e nell’hinterland delle grandi città è stata rispettivamente del 10,5% e del 21,2%, quindi, meno forte di quella che si è avuta nelle grandi città. In queste realtà, si legge ancora nello studio Tecnocasa,  sull’onda del boom immobiliare dalla fine degli anni ’90 agli inizi del 2000 molte nuove costruzioni sono state messe in cantiere (più difficile che ciò si realizzasse nelle grandi città) e questo ha contribuito a calmierare i prezzi di mercato. Dal 1998 ad oggi l’analisi delle rivalutazioni di tutti i capoluoghi di provincia per realtà geografiche vede un maggior incremento di valore nei capoluoghi del Sud (+29,4%), del Centro (+10,2%) e del Nord (+2,4%). 

Picco al Sud
I picchi di rivalutazione sono stati rispettivamente del 113,1% al Sud Italia, dell’83,5% al Centro e del 62,9% al Nord Italia nel 2007. Dal 2007 ad oggi la perdita di valore nelle diverse realtà territoriali è stata abbastanza vicina: -36,4% per le grandi città, -38,5% per i capoluoghi di provincia e -37,2% per l’hinterland delle grandi città. La diminuzione di valore dal secondo semestre del 2007 è stata più forte per  il Centro e il Sud  rispettivamente con (-40%) e (-39,2%), seguite dal Nord (-37,2%). Il ribasso al Sud è iniziato un semestre dopo, e cioè nel primo semestre del 2008, per cui la perdita di valore è stata più repentina a causa soprattutto della forte difficoltà di accesso al credito acuita da problematiche di disoccupazione.
METRO

 

Articoli Correlati
Mercato immibiliare

Per vendere meglio casa ci si affida all’home stager

Con un investimento contenuto e interventi temporanei si vende in 58 giorni. E lo sconto sul prezzo scende dal 12,3% al 5%
Mercato immibiliare

Casa, il mercato soffrePrezzi giù del 15% in 6 anni

L'Istat rileva una discesa ulteriore delle quotazioni immobiliari nel primo trimestre 2016
Mercato immibiliare

Comprare casa: nelle cittàin 6 mesi prezzi giù del 2,5%

A dirlo è Tecnocasa che ha fotografato l’andamento del mercato nel primo semestre del 2015. In (leggera) discesa anche i canoni d’affitto