Efficienza energetica Privati e istituzioni insieme

CONSUMI È nata Renovate Italy. L’organizzazione, promossa all’interno di The Renovate Europe Campaign (la campagna europea sostenuta da 31 soggetti tra associazioni non governative, Enti Locali, operatori, sindacati ed esperti), vuole stimolare anche in Italia strumenti innovativi per ridurre lo spreco energetico degli edifici e le emissioni. Primo, ambizioso traguardo, la diminuzione dell’80% dei consumi di energia nel patrimonio edilizio entro il 2050. «Il legislatore si è concentrato sulla riduzione dei consumi nelle nuove costruzioni», spiega Cecilia Hugony di Renovate Italy, tuttavia «bisogna considerare che a livello europeo il tasso di demolizione degli edifici è inferiore allo 0,1%: si calcola che tra il 5% e il 90% degli edifici oggi esistenti (responsabili del 40% del totale del consumo energetico e del 36% delle emissioni di biossido di carbonio, ndr) sarà ancora utilizzato nel 2050. Dobbiamo concentrarci sugli edifici in piedi».

A Milano, qualcuno ha dato risposte “istituzionali” a questo tipo di esigenza. Quello di viale Zara 58 è il primo “condominio efficiente” certificato dal Comune: 4.500 metri quadri di facciata isolati termicamente, con conseguente riduzione del fabbisogno energetico da 166,80 a 84,23 KWh/mq, e 250 tonnellate di Co2 in meno immesse nell’ambiente ogni anno. L’edificio è passato dalla classe energetica F  alla C, con un aumento del valore di circa il 10%. L’intervento, realizzato da Rete Irene (network di imprese lombarde specializzato in riqualificazione energetica), rientra in una campagna lanciata da Comune e Legambiente.

METRO

Articoli Correlati
Consumi e risparmio

Il popolo della "scadenza"in caccia di offerte

Tutti in cerca del risparmio. In tre milioni comprano solo cibo vicino alla scadenza
Consumi e risparmio

Risparmio, italianiun po' meno formiche

Il quadro emerge dal tradizionale Rapporto dell’Acri, realizzato con l’Ipsos in occasione della Giornata mondiale del risparmio
Consumi e risparmio

Le banche virtuosesecondo Altroconsumo

L'associazione di consumatori analizza gli istituti bancari. Sistema "promosso"