I prof di Gessetti Rotti scrivono ai senatori Pd

  • Riforma della scuola

Il testo inegrale della lettera spedita stamattina all'Ansa dal gruppo di docenti che si sta battendo per far approvare alcuni emendamenti al testo di legge in discussione al Senato.

 

LETTERA APERTA AI SENATORI DEL PD DOPO LE ELEZIONI REGIONALI

On. Senatori del Partito Democratico,

dopo la sconfitta alle elezioni regionali, dovuta anche alle centinaia di migliaia di docenti che hanno invitato gli italiani a non votare un PD che li ha profondamente delusi, siamo qui a chiedervi di bloccare o cambiare radicalmente il Ddl "La buona scuola" che vi accingete a discutere.

Qualcuno si era illuso che la partecipazione straordinaria alle proteste delle scorse settimane non avrebbe inciso nelle coscienze dei cittadini e nelle cabine elettorali. Il dato di fatto, invece, è un crollo verticale di consensi al partito in cui molti di noi credevano e che si è fatto promotore di una riforma che stravolgerebbe il sistema scolastico a danno di chi insegna, di chi apprende e dell'intera società.

Un partito che entra in rotta di collisione con la cultura è destinato a rovinare sé stesso e il Paese, e se porta avanti una riforma in modo arrogante, in spregio della Costituzione, non ha diritto ad usare nel suo nome l'aggettivo democratico.

Fate che la Costituzione e la vostra saggezza vi siano da guida nella vostra ultima decisione. Avete in mano le sorti del vostro partito, della scuola e dell'Italia.

Distinti saluti

Gessetti Rotti

Articoli Correlati
Riforma della scuola

Assunzioni: il drammadi chi assiste un familiare disabile

Cosa succede se chi inoltra la domanda per le fasi B e C del piano straordinario di assunzioni è un docente precario che assiste un familiare con handicap?
Riforma della scuola

Quello che la riforma fama nessuno dice

Storia imminente di professori alle prese con la nuova legge
Riforma della scuola

Piano assunzioni scuolaUna roulette russa

Era necessario costringere i docenti a una mobilità forzata pur essendoci posti e opportunità nel luogo in cui ritengono di avere il diritto di lavorare