Il Fidanzato? SÍ ma virtuale!

  • Alessia Chinellato

Ecco la App delle App: ci impedirà di piangere perché non ci lasceremo mai. Sarà romantica e ci sussurrerà parole d’amore, ma solo quando lo vorremo noi. Non ci romperà le scatole, non ci russerà accanto nel talamo intonso, ma ciononostante ci farà rimescolare il sangue nelle vene.

Si chiama invisible boyfriend ed è un’applicazione (a pagamento) molto semplice che permette non solo di scegliere le caratteristiche etniche e fisiche del compagno ideale, ma anche di settarne il carattere. Nome, età, titolo di studio, lavoro: tutto quello che vorremmo. Per far finta di essere fidanzati. Si può attivarlo per una sera, per una festa o per una vacanza. Farà ingelosire chi ci sta accanto, mandandoci messaggi mirati in tempo reale, calibrati sul profilo che abbiamo creato e allontanerà madri insistenti, che ci invitano a “sistemarci”.

In questi tempi di frugalità sentimentale, una compagnia virtuale esalta solo le qualità di un compagno e tiene lontani i maleintenzionati. Il servizio risponde a comando e non chiede emotivamente nulla in cambio, se non venti euro al mese.

Le previsioni sul futuro delle abitudini sessuali vanno nel senso di un cambiamento radicale. Secondo alcuni studi dell’Università di Chicago di qui a 15 anni avremo la possibilità di fare l’amore con robot dalle sembianze umane. Si avvererà, cioè, la profezia narrata nel meraviglioso film “Her”, in cui un uomo appena divorziato si innamorava perdutamente di un sistema operativo capace di riportalo a nuova vita.
I suoi sguardi senza rimprovero – filtrati dallo schermo del dispositivo mobile – cancellavano l’ombra dei fantasmi del passato.
Da una parte il sesso sarà certamente molto sicuro, dall’altro ci irrigidiremo sempre di più, potendo soddisfarci meccanicamente.
L’amore: una marionetta di cui terremo i fili, ma che ci farà compagnia tristemente. E’ questo che il popolo di single cerca? Sola o sòla?

 

ALESSIA CHINELLATO
giornalista

Articoli Correlati
Alessia Chinellato

Le App estiveper stare meglio

Basta uno smartphone: what else?
Alessia Chinellato

Quando l’hi-techti salva la vita

L'opinione di Alessia Chinellato
Alessia Chinellato

Blue WhaleGironi virtuali mortali

L'opinione di Alessia Chinellato