Per i giovani poche garanzie

  • Michele Caropreso

ROMA Interrogato, il morto non rispose. Dove il morto, anche se è appena nato, si chiama Garanzia Giovani, e le domande arrivano dai circa 3mila giovani che hanno risposto al questionario promosso da Adapt e Repubblica degli Stagisti per capire se e come sta funzionando il piano europeo per combattere la disoccupazione giovanile. Un piano finanziato a suon di miliardi di euro, 1,5 dei quali destinati proprio all’Italia. Un piano che nel suo primo anno di vita – Garanzia Giovani è stata lanciata il primo maggio 2014 – ha suscitato più delusione che entusiasmo, più perplessità che certezze. 

I tremila giovani che hanno risposto al questionario, anonimo e online, hanno meno di 30 anni, in due casi su tre sono della fascia 25-29, e non si sentono dei neet, una definizione che fotografa chi non lavora, non studia e non fa formazione. Il 72% di loro si definisce “giovane che cerca attivamente lavoro e fa colloqui”, e un’analoga percentuale è già iscritta ai Centri per l’impiego. Cercare lavoro, insomma, è sempre più complicato, altro che bamboccioni. Quelli che non cercano attivamente un’occupazione sono solo l’8%. 

Dicevamo della mancanza di risposte. Oltre la metà degli iscritti, al momento della compilazione del questionario online, non aveva ancora ricevuto alcuna risposta. La Garanzia, insomma, è un po’ troppo lenta ad attivarsi. Tra quanti sono stati contattati dal Centro per l’impiego di riferimento, poi, solo il 24% è stato materialmente convocato per valutare insieme agli operatori le offerte di lavoro o stage concretamente disponibili. 

E che tipo di proposta ha ricevuto chi ha avuto questa fortuna? Nel 44% dei casi, un generico riferimento a future opportunità di lavoro o di stage, nel 39% dei casi nulla di concreto. Solo il 12% del campione dice di aver ricevuto una panoramica completa e dettagliata di tutte le opportunità offerte da Garanzia Giovani. 

Insomma, parlar male di Garanzia Giovani è diventato ormai come sparare sulla Croce Rossa. Ma considerando che quasi due giovani su tre si sono iscritti al programma per trovare un lavoro o quantomeno uno stage, Poletti e i suoi dovranno darsi un gran da fare per evitare che il miliardo e mezzo di euro stanziato per l’Italia vada a ingrossare ulteriormente il fiume del denaro pubblico sprecato.

Articoli Correlati
Michele Caropreso

Jobs actIn frenata

Secondo Michele Caropreso modetsi per ora gli effetti della riforma del lavoro
Michele Caropreso

Lavoro, corto circuitodei dati Istat

L'Opinione di Michele Caropreso
Michele Caropreso

Il Jobs Act dà fruttima è zuffa sui numeri

Mentre Poletti fa il prudente, un apprezzamento arriva da Mattarella. E la Camusso “rosica”