Donne e lavoro Bravo Papa Francesco

  • Giampaolo Cerri

OPINIONI «Èun puro scandalo che a parità di lavoro le donne abbiano una retribuzione più bassa». Alla vigilia del 1 maggio, festa del lavoro, a pronunciare queste parole non è il segretario, donna, del più grande sindacato italiano, la Cgil, Susanna Camusso. Né lo fa, Annamaria Furlan, segretario della seconda organizzazione con più iscritti, la Cisl. A dirlo è stato, ieri, un uomo, ottuagenario e pure prete: Jorge Bergoglio, pontefice. Quando, nei giorni scorsi, era uscito l’ennesimo Rapporto AlmaLaurea sulla condizione occupazionale dei laureati, i sindacati non l’avevano preso a pretesto per lanciare una mobilitazione, anche solo culturale, dinnanzi a quel differenziale, sconcertante, di quasi 300 euro, nel salario di laureati e laureate, a parità di formazione e di anzianità. Certo, i problemi dell’occupazione sono molti, enormi in una fase di crisi, e ogni giorno l’attualità aggiorna la drammatica geografica degli stabilimenti che chiudono o delle industrie che ricorrono agli ammortizzatori sociali senza grande prospettiva davanti, come ha ricordato la vicenda Whirpool nei giorni scorsi. Le Camusso e le Furlan, così come gli altri capi sindacali, avranno mille attenuanti, ma non c’è mai un tempo propizio per combattere la discriminazione. Non ci sono un giorno e un’ora a cui rimandare il momento in cui dire basta. E allora viva il Papa che, parlando di matrimonio e della sua tutela sociale, si scandalizza: «Perché si dà per scontato che le donne devono guadagnare meno dell'uomo?».

GIAMPAOLO CERRI

Articoli Correlati
Giampaolo Cerri

La verità persa di vista

L'opinione di Giampaolo Cerri
Giampaolo Cerri

La killer in corsia oscura i veri eroi

L'opinione di Giampaolo Cerri
Giampaolo Cerri

Le colpe dei figli ricadono sui padri

L'opinione di Giampaolo Cerri