Il pediatra pedofilo lasciato libero di agire

  • Milano

MILANO Per anni avrebbe violentato e seviziato almeno 11 bambini che frequentavano il suo studio di pediatra, fotografandone le umiliazioni, perseguitandoli via sms e denigrandone i genitori se interrompevano le visite. Ieri, per  un 55enne di Busto Arsizio che si spacciava per psicoterapeuta senza esserlo, è stato chiesto il rinvio a giudizio e si è aperto a Milano  il procedimento con rito abbreviato (grazie al quale godrà dello sconto di un terzo della pena).

Metro raccontò questa storia a maggio 2014, sottolineando come il medico che esercitava alla clinica Columbus , arrestato allora  per molestie sessuali a un 12enne, fosse già stato condannato in via definitiva nel 2006 a otto mesi di carcere per possesso di materiale pedopornografico. La cosa grave, allora, fu che né la magistratura vietò all’uomo di avvicinare altri bambini (come accade normalmente per i pedofili condannati), né l’Ordine dei medici della Lombardia lo radiò, perché nessuno lo aveva avvisato della condanna.   Ieri, all’apertura del processo, la verità, già terribile, è divenuta un incubo. Nel periodo nel quale il falso terapeuta esercitò dopo la condanna, cioè tra il 2006 e il 2014, non solo molestò il 12enne, ma stuprò e  torturò - questa l'accusa - altri 11 bambini (in un video scoperto a casa sua violenta un bimbo di due anni, ancora non identificato).

Il protocollo negato
Dopo il secondo arresto, il presidente dell’Ordine dei medici lombardi, Roberto Carlo Rossi, disse a Metro di aver proposto alla Procura di Milano un accordo per creare un canale grazie al quale  scambiarsi automaticamente le notizie di reato riguardanti i medici, così da evitare nuovi casi del genere. Anche perché, aggiunse: «Non esiste l’obbligo per la magistratura di informarci sui procedimenti penali riguardanti i nostri membri. O chiediamo gli atti (e a volte la Procura non risponde), o non possiamo sapere nulla. Certamente il condannato non ce lo viene a dire!».
A un anno di distanza quel canale a Milano  non è nato, né nascerà mai. «Non siamo riusciti a fare alcun accordo», racconta Rossi, «la Procura mi ha risposto che ci avrebbe dato le notizie con i canali tradizionale, ma che non aveva alcuna intenzione di firmare il protocollo che avevo proposto».

ANDREA SPARACIARI

foto: Olycom

Articoli Correlati

L'Oasi del clochard chiudeL'appello di Furlan dei City Angels

Esperimento unico in Europa sotto sfratto

Sala scrive ai milanesi«Aumento Atm per il futuro»

Dopo il muro contro muro Regione verso l’accordo tariffario

I nostalgici del Meazza già sul piede di guerra

Sala: «Ne discuterà il consiglio comunale»