Quella grancassa della Riforma della scuola

  • #laverascuola

RIFORMA L'odierna attenzione alla Scuola somiglia a quelle fiere di paese in cui tendaggi colorati, sciami starnazzanti, fanfare e trombette si mescolano in un vortice di tinte e suoni. Ogni giorno il premier strombazza l'urgenza e la bontà della sua Riforma, fino ad azzardare l'abolizione dello studio dei Promessi Sposi. Poletti dichiara che tre mesi di ferie sono troppe, ignorando che gli studenti, come tutti coloro che sono a spasso per cronica mancanza di lavoro, non hanno ferie, ma vacanze. Certo ha ragione il ministro del Lavoro, visti i suicidi dei miserabili vacanzieri: il lavoro fa bene, serve pure d'estate. Fate ragionare con calma docenti e studenti. Serve silenzio per riflettere e pure ozio, prima di gesta che cambino la sorte di milioni di persone. Non si usa più? La grancassa della Buona Scuola dice NO. 
ALGA FRATINI

 

Articoli Correlati

I docenti non sanno di sicurezza

Tre insegnanti condannati per il crollo di un controsoffitto al Liceo Darwin di Rivoli nel 2008, che causò la morte di uno studente. Perché?

Concorso a cattedre?Umiliante

Questo governo continua a umiliare quei precari che mandano avanti la scuola che hanno gli stessi doveri dei colleghi di ruolo ma non i meriti

Ai commissari poche briciole

La riflessione di Gianfranco Mosconi sulle dichiarazioni di Renzi: "Puntiamo su una scuola di qualità"