Uber o non, quello che serve è il mercato

  • Maurizio Guandalini

Ieri sciopero dei mezzi di trasporto nelle grandi città. Uber, multinazionale americana dei taxi-free, ha fatto le veci: ai cittadini appiedati la corsa gratis. Cosa c’è di male? Solo pubblicità? Se anche fosse? Il sindacato nostrano, criticando Uber è andato a scomodare i fascisti del ventennio che guidavano i tram dei tranvieri in sciopero. Ma è una uscita da canna del gas, vuol dire proprio che idee e autocritica sono bollite. Tutte critiche figlie di un mercato che non c’è, di una legislazione chiara che manca, di una politica industriale senza direzione e di un sindacato corporativo che ha compartecipato alla grande a conservare lo status quo. I taxisti non devono vivere con il complesso di inferiorità, si diano una mossa. Chiamino all’appello le loro organizzazioni sindacali e le compagnie dei taxi ai quali appartengono. Studiate delle politiche di marketing per attrarre clienti nuovi e consolidare quelli che già avete. Il mercato è questo: nulla è per sempre. Uber dà la prima corsa gratis a coloro che hanno il biglietto o l’abbonamento dei mezzi pubblici, in sciopero? I taxi ufficiali offrano due corse o un abbonamento di 10 per due persone, di cui uno solo paga. Ora non è questo il luogo per fare la lista dei saldi. Ma ci siamo capiti.  
 
La politica (regionale e nazionale) invece di decidere  e mettersi nei panni dei consumatori, fa il tifo, vittima, lei più di tutti, di conservazione e lobby: un moto che la ripara dalle responsabilità come ad esempio dirci cosa fare del piano trasporti. Yoram Gutgeld, il tagliatore di costi 2 che ha preso il posto di Cottarelli a la Repubblica ha concesso delle dichiarazioni sul trasporto pubblico che, giuro, non ho capito quello che ha in testa: il trasporto pubblico va reso più efficiente e aperto alla concorrenza. E quindi, da domani che si fa? Arrivano soldi, andremo in autobus più che in treno, che si fa? Nel cloud ci entra pure il sindacato: ha ancora senso lo sciopero continuo dei mezzi, quando a rimetterci è solo la gente che tutti i giorni li deve usare per lavoro? Se siamo fermi qui, nel deserto, senza bussola una buona fetta di colpe le ha la Triplice e le decine di sigle che nascono per difendere gli orticelli dietro casa. Altroché Uber o non Uber. Concorrenza totale, in sella e pedalare. Quando leggiamo che era in uso, nel silenzio assordante, in primis dei sindacati, a Trenord (i treni regionali lombardi) un contratto di lavoro che premiava i ritardi dei convogli, o che le rappresentanze sindacali non sono rinnovate da anni, ci chiediamo, semplicemente: dove sta l’interesse dei cittadino-consumatore?
MAURIZIO GUANDALINI
economista e giornalista

Articoli Correlati
Maurizio Guandalini

La lezione americanache vale anche per noi

L'opinione di Maurizio Guandalini
Maurizio Guandalini

Global warming, lezionea Trump il negazionista

L'opinione di Maurizio Guandalini
Maurizio Guandalini

In politica come a golfc'è rischio di flappare

L'opinione di Maurizio Guandalini