Asili nel bosco, dove gli alberi fanno da maestri ai bambini

  • Famiglia

FAMIGLIA. L’insegnamento privilegia l’educazione all’ambiente e alla sostenibilità; l’alimentazione è prevalentemente biologica e i materiali pedagogico-didattici sono naturali; le attività educative si svolgono quasi completamente all’aperto per favorire la formazione di un sano rapporto con la natura e i bambini imparano facendo, in un contesto permeabile alla loro curiosità ed alla loro immaginazione. Questo sono gli Asili nel Bosco, una realtà pedagogica mondiale per i bambini degli ultimi anni del nido e della scuola dell’infanzia, nata in Danimarca negli anni ’50 e arrivata anche in Italia. Ne hanno parlato all’Università Roma Tre in   un convegno internazionale a cura della Professoressa Sandra Chistolini sul tema “L'Asilo nel Bosco nella pedagogia contemporanea”.
 
Le attività
L’Asilo nel Bosco è una realtà pedagogica mondiale che accoglie bambini degli ultimi anni del nido e della scuola dell’infanzia. Le attività educative si svolgono quasi completamente all’aperto per favorire la formazione di un sano rapporto con la natura. I bambini imparano facendo, in un contesto permeabile alla loro curiosità ed alla loro immaginazione. Gli educatori accompagnano i piccoli a crescere secondo i principi dell’autonomia e della creatività. Flora e fauna, luce e sole, vento e pioggia sono i centri di interesse di una sperimentazione del mondo naturale nella quale la sostenibilità si chiama rispetto per le creature viventi.
Secondo i fondatori dell’Asilo nel Bosco di Ostia (Roma), partito nel 2014 con la sua prima realtà scolastica, l’idea originaria è nata, intorno al 1950, con Ella Flatau, una mamma che in Danimarca, a Søllerød, nel dedicare molto tempo ai suoi bambini e nella condivisione del gioco nel bosco, fece di questa esperienza una scuola pedagogica ben presto ripresa non solo nel Nord dell’Europa. In Italia gli Asili nel Bosco nascono per iniziativa di genitori, educatori, associazioni, ma sono ancora gestiti solo privatamente.  

In Europa
Alcune scuole nel bosco sono oggi riconosciute dallo Stato, come in Germania ( dove ci sono 1000 scuole del bosco) avviene per la Waldkindergarten di Flensburg, altre sono inserite nei servizi per l’infanzia di centri specializzati come si rileva in Gran Bretagna che attualmente riunisce le varie iniziative nella Forest School Association. In Italia, oltre all’asilo di Ostia, si sono esperienze simili a Bologna, Trento e Firenze.
metro

Articoli Correlati

Genitori alle presecon il primo distacco dal bebè

Il vademecum stilato da top Doctors

Divorzio, l'assegnoricambia così

Le sezioni unite civili della Cassazione: «Bisogna tenere conto dell’apporto dato da ciascun coniuge alla vita familiare comune»

Gay, Tiziano Ferrocontro ministro Fontana

Il cantante: «Non voglio sostegno ma non voglio sentirmi invisibile»