Una foresta in città contro l'inquinamento

  • Innovazione

TORINO Progettato dall'architetto italiano Luciano Pia, “25 Verde” è un unico edificio residenziale di Torino,  che ospita 150 alberi che assorbono quasi 200.000 litri di anidride carbonica. Questo assorbimento naturale porta la protezione dall'inquinamento ai suoi residenti, contribuendo a eliminare le emissioni causate da automobili o fabbriche vicine.

Quale messaggio volete diffondere?
Volevamo trovare soluzioni per vivere l'ambiente diverse da quelle che di solito proponiamo. Con questo in mente,  l'obiettivo era creare modelli di vita più umani. Non dobbiamo necessariamente costruire una casa in altezza, dobbiamo costruirla  a misura d'uomo. Altrimenti si perde la dimensione umana e le nostre città diventano disumane.

Crede che gli abitanti di questo edificio vivano meglio ndegli altri?
Le persone che vivono in questo edificio hanno scelto di viverci in modo consapevole.  Sono molto felici di vivere nel “bosco” e hanno trovato una dimensione umana della comunità, che è ormai scomparsa in città.

Perché questa zona?
Perché avevamo disponibile questa zona edificabile. Nonostante trovassi il posto  brutto e malandato,  ho accettato la sfida, e ora le persone che ci vivono sono felici.

Perché  “25 Verde” viene considerato  innovativo?
È un progetto nato per assecondare il benessere delle persone, che così vivono più vicine alla natura. Gli appartamenti sono pensaticome unità indipendenti, in cui ognuno può organizzare il proprio spazio liberamente.

I maggiori ostacoli che avete incontrato?
Sono stati la mancanza di desiderio per l'innovazione , la mancanza di voglia di sperimentare e viaggiare lungo strade che non sono quelle normalmente percorse.

DANIEL CASILLAS - Metro World News

Articoli Correlati

Maker Faire Rome,3 giorni con l'innovazione

Dal 1 al 3 dicembre alla Fiera di Roma

Nell'innovazionel'Italia va a rilento

Diciannovesima in Europa per innovazione, inserita nella categoria “innovatori moderati”

«Il nostro futurolo prenotiamo con un 'app»

Nicole e i suoi amici della Bocconi sono fondatori di Praesto, startup del food tech per non perdere tempo in pausa pranzo