Il Tar annulla i rincari per le strisce blu a Roma

  • Traffico

ROMA Dopo la bocciatura delle tariffe per gli asili  nido e quella per i rincari delle Ztl, ancora una sconfitta del Comune davanti al Tar del Lazio e una vittoria dei consumatori. I magistrati amministrativi  hanno infatti accolto il ricorso del Codacons e bocciato le nuove tariffe per la sosta entro le strisce blu: annullato l'adeguamento dell'imposta oraria a 1,50 euro (in tutte le aree, sia entro che fuori le Ztl) e sospese sia quella agevolata giornaliera da 4 euro per otto ore continuative che quella mensile da 70 euro. Per  il Tar, il Campidoglio ha utilizzato ingiustificatamente “la leva finanziaria quale strumento esclusivo per migliorare l'utilizzo degli spazi di sosta tariffata”. E quindi prima di rimodulare i prezzi,  “non vi è stata alcuna verifica circa la domanda di sosta nelle diverse zone tariffate, né alcuna differenziazione è stata operata tra soggetti che provengono da zone già coperte da servizi forti di trasporto pubblico e utenti che invece si spostano da zone  non adeguatamente servite”.

I consumatori
Esulta il Codacons:  «Gli aumenti erano abnormi e non trovavano giustificazione alcuna  nella realtà -spiega il presidente dell'Associazione Carlo Rienzi - Non solo infatti le tariffe sono aumentate del 50%, ma addirittura sono state cancellate  quelle agevolazioni per i meno abbienti o per chi è costretto a  parcheggiare sulle zona a pagamento quando si reca a lavoro e deve  sostare 8 o più ore.  Il Campidoglio, in sostanza, aveva trasformando le strisce blu della  capitale in veri e propri parcheggi per ricchi».

La reazione di Improta
Per Guido Improta, Assessore alla Mobilità e ai Trasporti di Roma Capitale, «il Tar in questa occasione  si spinge  a compiere delle valutazioni politiche che non ci convincono proprio. Proporremo pertanto  ricorso al Consiglio di Stato verso una sentenza che è culturalmente sbagliata». 

METRO

Articoli Correlati

Una mobilitàdigitale

Il traffico modifica il modo con cui i cittadini si spostano

Sono in Italia le stradepiù rumorose d’Europa

In tutte le grandi città livelli di decibel oltre i limiti di criticità fissati dall'Organizzazione mondiale della sanità

Censis: mobilità restapunto debole di Roma

Dal rapporto in vista del Giubileo una forte denuncia sul ritardo della Capitale nel settore dei trasporti