Le under 30 preferiscono mettersi in proprio

  • Donne e Lavoro

ROMA. In Italia ci sono più nuove giovani imprenditrici che richieste di personale indirizzate specificatamente a donne under 30. Sono 15.800 le richieste di assunzioni a tempo indeterminato e a tempo determinato per cui è  indicata dalle imprese una preferenza per una donna che abbia fino a  29 anni contro le circa 18mila nuove imprese “rosa”, iscritte nel corso del 2014, con titolare una under 30. È quanto emerge da  un’elaborazione dell’Ufficio studi della Camera di commercio di Monza e Brianza su dati Sistema Informativo Excelsior e Registro Imprese. I settori più scelti dalle nuove giovani imprenditrici italiane sono i servizi (85,6%), in particolare il commercio (39,1%) e turismo, tra alloggio e ristorazione (12,7%). L’8,8% si è messa in proprio nel settore industriale tra manifattura (5,5%) e costruzioni (3,3%). 
«I dati ci dicono che proprio in questo momento di difficoltà - ha dichiarato Mina Pirovano, presidente del  Comitato per l’imprenditoria femminile della Camera di commercio di  Monza e Brianza- le donne possono fare la differenza e rivelarsi la  chiave di volta per il rilancio della nostra economia, facendo leva su quelle doti specifiche, flessibilità, creatività e versatilità, che  trovano nell’impresa, più che nel lavoro dipendente, l’occasione di emergere».
METRO

Articoli Correlati

Donne manager aumentatedel 20% in cinque anni

Nello stesso periodo i dirigenti uomini sono diminuiti del 6% nel settore privato

In aumento le donneche abbandonano il lavoro

Rapporto del Ministero Lavoro: nel 2014 +11,27% di “abbandoni”

In Italia la svolta rosadell'agricoltura

Nessuna crisi per il settore al femminile: un terzo delle imprese guidate da donne