Così l'azzardo spappola le famiglie

  • Maurizio Baruffaldi

Alla slot. Sedia comoda, ampia, ergonomica. Sullo schermo colori ipnotici, suoni ripetitivi e insinuanti. Ci stai come un pascià. Ma porca puttana, le tre ciliegine si fermano appena sotto le due allineate. Ti alzi, e passi al bancone. Maneggi avido il cartoncino che garantisce l'eternità del tuo conto. Con delicatezza elimini la nebbia dalle caselle. Il numero che esce è di poco minore a quello che vince. Hai perso per un pelo. E quindi riprovi. Trucchetto elementare, il comodoso e il mancato per poco. Le probabilità di vincere sono circa dieci volte minori di quelle che hai di schiantarti con un aereo, ma lo schianto della dipendenza è super probabile. Lo Stato è complice, caro Renzi. Informati. Quella sicumera che sventoli usala contro le lobby aguzzine. Non lasciare alle piccole eroiche associazioni (AND) o campagne dal basso (Slotmob) il compito di fermare il mare. Il tessuto dei disperati mette radici nell'azzardo. Spappola intere famiglie. Boicottiamo i bar con le macchinette odiose e quei banconi dove scendono le tendine luccicanti, perché li abbiamo sotto gli occhi e ci fanno schifo. Ma c'è anche l'online casalingo, il Toto ovunque, le Lotterie. Siamo circondati. E se non va giustamente chiamato gioco, non va chiamato nemmeno azzardo. La parola ha il suo valore temerario. Azzardare sta per non accontentarsi. È la chiave per scoprire, rinascere. Osare un'altra strada. Pericolosa, certo, ma verso la quale investi te stesso. Verso la quale ti metti in gioco. Eccolo, il gioco d'azzardo. MAURIZIO BARUFFALDI
Giornalista e scrittore

 

Articoli Correlati
Maurizio Baruffaldi

La fragilità dei vecchie la fibra delle badanti

L'opinione di Maurizio Baruffaldi
Maurizio Baruffaldi

La Critical Massè un granello di futuro

L'opinione di Maurizio Baruffaldi
Maurizio Baruffaldi

L'esperienza salutaredello smartphone spento

L'opinione di Maurizio Baruffaldi