Riforma della scuola I precari sono divisi

Riforma della scuola
  • La buona scuola

Roma. Quaranta articoli disegnano la “Buona scuola” targata Matteo Renzi che - dopo giorni di rinvio -arriva oggi al Consiglio dei Ministri. Il piano avrebbe dovuto stabilizzare i «precari storici» (circa 140 mila delle graduatorie provinciali chiuse dal 2007).

Ma il miliardo di euro a disposizione non sarebbe bastato quindi resteranno fuori dal piano circa 40 mila persone: di cui 15 mila saranno pescati dalle graduatorie d’istituto con un  contratto-ponte e una corsia preferenziale nel concorsone per 60 mila posti previsto per il triennio 2016-2018. E al concorso potranno partecipare anche gli altri 30 mila esclusi dalle assunzioni. Un altro punto ha suscitato molte perplessità: i fondi alle private.

Nella bozza circolata ieri pomeriggio è prevista una detrazione fiscale per chi paga le rette private. In compenso, è stato esteso il 5 per mille alle scuole statali. Previsto anche un credito d’imposta al 65% per il 2014 e al 50% per il 2016 per coloro che donano soldi «per gli investimenti alle scuole». E dalla Cassa depositi e prestiti saranno attinti i fondi per l’edilizia. Previste inoltre molte ore in più per l’insegnamento del diritto, dell’economia e dell’arte. 

METRO

Articoli Correlati
La buona scuola

Breve testimonianza di una raccoglitrice di firme

Referendum sulla legge 107, l'intervento di Cristiana Bullita (Gessetti Rotti)
La buona scuola

Concorso scuolaAl via le domande

I docenti abilitati potranno presentare domanda, solo online, per il nuovo concorso della Buona scuola: i posti a bando sono 63.712
La buona scuola

Gentile Ministra, non si dia un voto

La lettera aperta di Salvo Amato alla ministra Giannina