Zen Circus, il punk-rock polemico e anticonformista

  • Zen Circus

TORINO. Qualcuno li ha definiti “l’ultima vera punk band nostrana”.  E, in effetti, gli Zen Circus incarnano bene l’attitudine punk, polemica e anticonformista, che mescolano a radici folk, canzone d’autore e rock alternativo. I ragazzi pisani, dopo album di culto come “Andate tutti affanculo”, “Nati per subire” e “Canzoni contro la natura”, partono venerdì dall’Hiroshima (h.22, euro 12) per un minitour in occasione della pubblicazione del singolo digitale “Il nulla”, piccolo vademecum (ironico ed autoironico) su come scrivere il testo di una canzone indipendente di questa nuova generazione. Ma non solo, è anche un urlo serio: «Il nulla, il niente, il vuoto si nascondono dietro l’angolo e mettersi sempre in gioco è l’unico modo per non esserne fagocitati», spiegano. Il trio sarà accompagnato dalla satira e dai paradossi della redazione di Lercio.it  con una versione live del loro TG. In apertura il cantautore mantovano Vincenzo Fasano.
Preferite il folk? Ecco per venerdì lo storico gruppo Canzoniere Grecanico Salentino al FolkClub col nuovo cd “Quaranta”, e la maratona del Torino Folk Fest al Cap10100 con Discoverland, Leo Pari, Eugenio in via Di Gioia. Per i patiti della dance, da non perdere, sabato al Pala Alpitour, il Reload Music Festival, 12 ore non stop tutte da ballare, fra house, techno e dubstep, con una folta schiera di noti dj come DVBBS, Marnik, Rude e molti altri, fra scenografie particolari e ritmo alle stelle.

DIEGO PERUGINI

Articoli Correlati

«Un live di due oreda sentire e guardare»

Gli Zen Circus saranno di scena all’Atlantico Live con vecchi successi e le canzoni del nuovo album

Con gli Zen Circusla ribellione è musica

La punk band sarà al Concordia di Venaria Reale venerdì, mentre all’Hiroshima saranno di scena gli Statuto