Liberalizzazioni, La ciccia è poca

  • Maurizio Guandalini

Mio padre mi ha chiesto: e, quindi, ora, le assicurazioni delle nostre auto le paghiamo meno? L’Italia avrebbe bisogno di uno shock e ci è arrivata una brezza padana di luglio, 35 gradi all’ombra. Le liberalizzazioni del Governo sono un tocco lieve. Non incideranno granché nei portafogli e non avremo eclatanti cambi di passo. Non c’è quel bel  sollievo immediato che ti fa dire, se ieri andava storto, oggi va diritto. La ciccia dove sta? È in corso una azione di forza tra schieramenti contrapposti. Le corporazioni premono e tengono duro; Renzi – al quale gli va reso l’onore:  lotta, da solo, come un leone ma non gli lasciano fare quello che vorrebbe - fa passare come epocali dei provvedimenti che sono poco più di qualcosa di amministrativo e di incerto. L’assicurazione auto diminuirà se l’assicuratore, magnanimo, abbasserà il prezzo: la scatola nera non  influenzerà il ‘totale’ perché il prezzario (in rapporto alle garanzie di rischio offerte) varia se tocchi la classe di merito, la residenza, i balzelli fiscali. I notai? Lodi aver tolto  di mezzo il notaio per le compravendite di  immobili sotto i 100 mila euro ma, senza aspettare il transito di una casa, bastava spostare alle anagrafi dei comuni parecchi servizi, minori, pagati ai notai a peso d’oro.

A casa mia li-be-ra-liz-za-re vuol dire 1) cancellare, 2) aria pulita. Togliere gli ordini professionali, ad esempio. Invece crescono come funghi. Togliere il valore legale del titolo di studio, altro esempio di rivoluzione (altroché a scuola per concorso!) a costo zero. Così Renzi avrebbe potuto sbandierare il vessillo del condottiero. Libertà, anche nel lavoro. Lezione bignami di  liberalismo. Non tutti devono, o aspirano, per legge ad avere contratti a tempo indeterminato. È cosa buona e giusta spostare molti precari verso il posto di lavoro una sempre. Sarà una rivoluzione psicologica straordinaria: una generazione potrà chiedere un mutuo, avere ferie e malattia. Ma c’è un’altra fetta di precari, con partita Iva, che la loro condizione di vita non la vogliono lasciare. Anzi quel modo di lavorare lì è funzionale alla loro condizione, penso alla libertà creativa. Guai se il Governo volesse normalizzare, o contrastare, questi status; al contrario deve conviverci, offrendo opportunità, a partire dal fisco. A una partita Iva difficilmente gli puoi riconoscere le ferie e sussidi vari, non ci sono i meccanismi pratici per realizzarlo, nemmeno se ci stai una vita a studiarci su,  ma si può agevolare la loro attività professionale, lasciandoli liberi  e concentrati sul lavoro.

MAURIZIO GUANDALINI
economista e giornalista
Fondazione Istud

 

Articoli Correlati
Maurizio Guandalini

La rinfrescataalla memoria

L'opinione di Maurizio Guandalini
Maurizio Guandalini

Il vigore di Bruxellessul copyright

L'opinione di Maurizio Guandalini
Maurizio Guandalini

Per crescere non servechiudersi a riccio

L'opinione di Maurizio Guandalini