Al Macro Testaccio le sculture di Ducrot

  • mostre

ROMA Al via ieri  negli spazi espositivi di Macro Testaccio la grande mostra di Giuseppe Ducrot, curata da Achille Bonito Oliva. Una straordinaria galleria di sculture, dai grandi modelli in resina ai bozzetti in ceramica, dalle straordinarie invenzioni in terracotta invetriata alle scenografiche forme neobarocche, che si snoda in un percorso di inattese contaminazioni tematiche e materiche.

La mostra, aperta al pubblico dal 20 febbraio al 10 maggio 2015, riflette la libertà compositiva di Giuseppe Ducrot, derivata da una combinazione e contaminazione di stili e di riferimenti all’antico, riletti con una sensibilità moderna, un binomio scaturito da una riflessione concettuale approfondita su di una estetica dello scolpire, condotta in solitaria autonomia. Una tenace manualità che rappresenta l’anello di congiunzione fra antico e contemporaneo, raggiunta con una raffinatissima tecnica della lavorazione dei materiali. Info:06.671070400.

METRO

Articoli Correlati

Cambellotti in mostraa via Margutta

Le opere del poliedrico artista italiano

Bnl Media Art FestivalLa scuola entra in scena

Tredici giovani artisti hanno allestito la mostra insieme a studenti di 12 scuole di Roma, Napoli e Milano, al museo MAXXI di Roma

In mostra a Expo 2015i frutti degli alberi più antichi

La Mostra dei frutti degli alberi secolari o addirittura millenari allestita in una sala al terzo piano del Padiglione Italiano dell’Expo