Dodici mesi di letture consigliate con un tweet

  • Social network

E chi l’ha detto che la lettura è una cosa da fare in solitudine? «Questo progetto è nato da una semplice idea: i lettori, una volta on line, vogliono condividere la propria passione della lettura». Lo spiega così, il giornalista 34 enne Francesco Musolino l’incredibile successo di  @Stoleggendo. il progetto di lettura noprofit nato da una sua idea il 24 febbraio 2014  su Twitter che sta per compiere un anno dopo aver superato i 10.000 follower. Il suo segreto? Un invito alla lettura tramite un social network declinato in un modo molto speciale: si sono infatti alternati 123 “readerguest” ovvero lettori ospiti: scrittori, librai, giornalisti ed editor di fama nazionale che hanno accettato di gestire personalmente l’account mettendo tutta la loro passione nel consigliare un libro, nel dare spunti e suggerimenti di lettura. Un anno che ha visto la partecipazione di @Stoleggendo, tra gli altri, a festival come BookCity2014 per un’esperienza che presto sarà raccontata in un e-book raccogliendo anche riflessioni e contributi degli “ospiti”.  
Si dice che in Italia non si legga più. Invece voi siete arrivati a 10.000 followers su Twitter, tra l’altro in crescita esponenziale…
La novità del progetto è l’essere fondato sulla figura dei #readerguest che, un tweet alla volta,  consigliano i libri che amano rivolgendosi direttamente ai followers, ai lettori. Senza alcun grado di separazione.

Quanto è importante che cambino così velocemente?
La rotazione è fondamentale affinché la “voce” del progetto sia sempre vivace, diversa nei toni come nei contenuti. Ciascuno è libero di twittare come, quando e quanto desidera, sempre in totale libertà, lontano da logiche commerciali, puntando sempre sulla qualità, non sulla quantità dei tweet.

Ognuno crea un hashtag e molti sono diventati dei trend… Anche all’estero. Quali i più curiosi?
In questi dodici mesi si sono avvicendati parecchi hashtag fulminanti come #libririletti, #ricominciamoaleggere, #AnnainLa, #capolavorifuturi, #indovinalaquarta e ovviamente #libriesesso.

Una cosa divertente successa quest’anno?
Dagli States abbiamo avuto i consigli di lettura del romanziere Glenn Cooper e dal Giappone quelli delle scrittrici Francesca Scotti e Laura Imai Messina. Era davvero divertente trovare notifiche in piena notte che provenivano dall’Oriente. E lo scrittore Jón Kalman    Stefansson ha twittato per un intero giorno in islandese sulla propria passione per Dante…

 

ANTONELLA FIORI

Articoli Correlati

Anche Facebook adessomonitora il tempo online

Un report giornaliero elenca notifiche, attività, tempo trascorso in rete

Influencer, quanto valgonogli hashtag #ad e #adv

L'analisi di Buzzoole sui due hashtag più utilizzati dagli influencer

Facebook, 39 gli indagatiper le offese a Mattarella

Identificati dalla Digos. Ora rischiano di finire a giudizio per offese al presidente della Repubblica