Noi insegnanti in prima linea per cambiare le cose

  • #laverascuola

SCUOLA. In Italia sono due gli argomenti su cui tutti si sentono di parlare da veri tecnici: il primo è la nazionale di calcio, il secondo la scuola. Così, nei dibattiti sull’insegnamento troviamo esperti nei più svariati settori intenti a suggerire questa o quest’altra innovazione didattica, questa o quest’altra materia da abolire o aggiungere. Gente che non mette piede in classe dalle superiori. Per converso, in queste occasioni mancano quasi sempre quelli che avrebbero più titolo a intervenire: gli insegnanti. Quanti ministri dell’Istruzione provengono dal mondo della scuola? Pochi, o nessuno forse. Il documento “La buona scuola” segue la stessa logica: l’hanno redatto giovani esperti di tutto fuorché di scuola. In soli due mesi. Nello stesso spirito, al sondaggio sul documento gli insegnanti hanno potuto partecipare solo come semplici cittadini.
Come si può pensare di riformare la scuola (e dunque la società) se si continua a ignorare il parere di chi ne ha concreta e diretta conoscenza? Un parere opinabile, certo, ma cresciuto su anni di esperienza, di appassionata riflessione, di discussione critica interna. Perché gli insegnanti, essendo teste pensanti, non sempre si trovano d’accordo. Ma sono proprio queste differenze a garantire il pluralismo della Scuola statale, l’unica a cui lo Stato ha il dovere di garantire fondi. Questo grave limite nel dibattito sulla Scuola deve essere superato. In questa pagina, ogni lunedì, parleranno di Scuola gli insegnanti. La spiegheranno ai lettori dal loro punto di vista. Un punto di vista complesso, eterogeneo, perfino contraddittorio. Ma con un’unità di fondo: uno sguardo dall’interno. Quello che nessun organo d’informazione finora è stato in grado di fornire. 

SALVO AMATO, LUCA BRUZZESE, CRISTIANA BULLITA, MARIA TERESA CABRAS, MONICA CARTIA, CRISTIANO CORSINI, SEBASTIANO VALENTINO CUFFARI, CARLA MARIA FABIANI, ELENA MARIA FABRIZIO, ALGA FRATINI, BARBARA GIZZI, GIULIO IRACI, AGNESE MARTINI, PAOLA MASTRANTONIO, GIANFRANCO MOSCONI, EVELINA PISCIONE, TONY SACCUCCI, MARINELLA SPINAZZOLA, CATERINA VENTURINI, MARCO VONA

 

Articoli Correlati

I docenti non sanno di sicurezza

Tre insegnanti condannati per il crollo di un controsoffitto al Liceo Darwin di Rivoli nel 2008, che causò la morte di uno studente. Perché?

Concorso a cattedre?Umiliante

Questo governo continua a umiliare quei precari che mandano avanti la scuola che hanno gli stessi doveri dei colleghi di ruolo ma non i meriti

Ai commissari poche briciole

La riflessione di Gianfranco Mosconi sulle dichiarazioni di Renzi: "Puntiamo su una scuola di qualità"