Ucraina, il peso dei nazionalismi

  • Maurizio Guandalini

Quello che avviene in Ucraina, dietro a un posizionamento geopolitico delle potenze mondiali, nasconde errori storici, da Yalta in poi, che hanno spazzato via ogni rispetto delle culture e dei popoli su quei territori. Ad esempio in Italia non ho mai sottovalutato la questione del Veneto, non tanto come regione, ma come nazione (con una propria lingua e cultura). Venezia è con l’Italia dal 1866, meno di 150 anni. La Serenissima (abbattuta solo dalle  armate di Napoleone) è durata 1000 anni. E della Serenissima resta una gran nostalgia, non solo in Veneto. La Serenissima Repubblica di Venezia non comprendeva solo il Veneto attuale, ma anche la Patria del Friuli, Bergamo, Brescia, Crema e  Asola, nel mantovano. Oltre all’Istria, alla Dalmazia, a Corfù e alle isole Ionie (Foscolo è nato a  Zante).
Per non parlare di domini temporanei, ma secolari, nel Peloponneso e  nell’Egeo (Cipro, ad esempio). Altro che Belgio, Olanda o Austria o Scozia  e Catalogna. Ma anche la Lombardia, da sola (senza parlare di Padania che, giustamente, non esiste), vale più di Olanda e Belgio. Il fatto è che l’Europa sta dimostrando l’assoluta inutilità degli stati nazionali, che sono anzi d'ostacolo al progetto di unione continentale. La frammentazione quindi è possibile e forse inevitabile a lungo andare. D'altra parte è anche funzionale ai disegni egemonici della Germania.

Il fatto è che l’Europa sta dimostrando l’assoluta inutilità degli stati nazionali

Chi c’è dietro alla dissoluzione della Jugoslavia, alla separazione tra Boemia e Slovacchia, alla stessa frammentazione dell'Ucraina? Se e  quando converrà a  Berlino anche l'unità d'Italia sarà messa in discussione.  Ma il tema degli stati regionali sarà ineludibile. Perché questa è la storia dell’Europa: Impero e Papato, due poteri, laico e religioso, lontani, e ampie autonomie alle città-stato e  agli stati regionali. È così dai tempi di Carlo Magno, salvo la breve parentesi, otto-novecentesca, degli stati nazionali che ci hanno “regalato” due guerre mondiali e la fine del primato europeo nel mondo. Stupisce l’irrilevanza dell’Europa. Continua l’assenza.
Avete visto a Minsk la rappresentante dell’Unione europea per la politica estera, l’italiana Mogherini? Mare nostrum, Triton, flussi dal Nord Africa, dove sta l’Europa?

 

MAURIZIO GUANDALINI

(giornalista, economista FondazioneIStud)
 

Articoli Correlati
Maurizio Guandalini

La lezione americanache vale anche per noi

L'opinione di Maurizio Guandalini
Maurizio Guandalini

Global warming, lezionea Trump il negazionista

L'opinione di Maurizio Guandalini
Maurizio Guandalini

In politica come a golfc'è rischio di flappare

L'opinione di Maurizio Guandalini