Grecia e Ucraina, “spine” per la coesione europea

  • Giampiero Gramaglia

L'OPINIONE Per essere una vigilia di pace, ha i toni d'una veglia di guerra. Poco prima dell'incontro a Minsk, decisivo, Mosca dà l'altolà a Washigton: se gli Usa forniranno a Kiev “armi letali”, vedremo un'escalation nel conflitto. Che sarà - come si dice con diplomatica ipocrisia - “a bassa intensità”, ma fa manciate di vittime ogni giorno, militari e civili, e ha già ucciso 7.000 persone, per tre quarti civili. L'Occidente, apparentemente unito nel sostegno alla linea di mediazione franco-tedesca, un baratto tra cessate-il-fuoco effettivo e autonomia alle Regioni dell'Est, non demorde: senza compromesso, scatteranno nuove sanzioni contro la Russia e i filo-russi e le forze armate ucraine riceveranno massicce dotazioni. Col rischio, chiaro a tutti, che l'Ucraina precipiti nella destabilizzazione. Gli ottimisti traggono speranze proprio sulla tragicità delle prospettive, se lo sforzo di compromesso condotto al massimo livello da Hollande e dalla Merkel dovesse fallire: bagno di sangue in Ucraina ed emergenza economica in Russia. Con contraccolpi pesanti sull'Ue che, nell'intreccio tra sanzioni e ritorsioni,  ha già perso 21 miliardi di euro.

Eppure, le richieste che le parti in causa avanzano paiono reciprocamente inaccettabili. Kiev cavalca la tigre del revanscismo post-sovietico, che induce l'ex presidente della Georgia Saakashvili a dire che, con le armi dell'Occidente, l'Ucraina conquisterebbe la Russia. Mosca non pensa neppure a rinunciare alla Crimea, ormai acquisita, e punta per l’est a un'autonomia sulla soglia dell'indipendenza. I ribelli filo-russi chiedono che sia l'Armata Rossa a fornire la forza d'interposizione per separare i contendenti, regolari e insorti. In questo contesto, il Vertice europeo di giovedì e venerdì diventa un banco di prova della capacità dell'Ue di muoversi tra una minaccia per la pace, la crisi ucraina, e un'insidia per la propria coesione interna, la crisi greca, mentre restano forti nel Grande Medio Oriente tensioni e incognite. Obama se la prende con Putin sull'Ucraina, «ha violato tutti gli impegni». Ma alla Casa Bianca c'è un sabba di guerrafondai intorno al presidente: i militari chiedono l'invio di truppe sul terreno contro il Califfato;  e l'opposizione repubblicana insiste per armare l'Ucraina contro la Russia, sfidando i tabù delle sfere d'influenza della Guerra Fredda.

GIAMPIERO GRAMAGLIA
Direttore di Euractiv.it

Articoli Correlati
Giampiero Gramaglia

Vittoria di Trumpsconfitta per esperti e media

L'opinione di Giampiero Gramaglia
Giampiero Gramaglia

Nel finale di partitache vinca Hillary

L'opinione di Giampiero Gramaglia, giornalista
Giampiero Gramaglia

Trump attaccala democrazia e perde

L'opinione di Giampiero Gramaglia, direttore Euractiv